Flatulenza

Vento intestinale Medicina: flatulenza Inglese: flatulenza Il soffio, chiamato anche flatulenza, è un accumulo eccessivo di aria o gas nel tratto digestivo. Innocuo e facile da trattare, la flatulenza è a condizione causato da cibi flatulenti o da un pasto frettoloso. Si parla di meteorismo quando l'addome è disteso e sporgente ("addome flatulento").

Nella flatulenza, la flatulenza vera e propria, una quantità eccessiva di gas intestinali viene rilasciata attraverso il ano. Tuttavia, a volte la flatulenza può anche essere un sintomo di una malattia grave, nel qual caso è necessario consultare il medico. In linea di principio, è abbastanza normale che si formino piccole quantità di gas nell'intestino.

Si formano quando stomaco l'acido è neutralizzato e dall'attività di utile batteri nell'intestino crasso e scappano naturalmente senza causare disagio. Circa il 40 per cento dei tedeschi soffre di questi e altri problemi gastrointestinali a volte. La flatulenza è causata, tra l'altro, dal consumo di cibi flatulenti (es cavolo, fagioli), cattive abitudini alimentari e intolleranze (es lattosio intolleranza, intolleranza al glutine) oltre allo stress e al ritmo frenetico. La flatulenza può anche verificarsi come effetto collaterale di vari farmaci o come concomitante di varie malattie.

Cause

Il possibile cause di flatulenza sono molteplici. Di solito hanno cause innocue. La flatulenza è un eccesso di gas che si forma nell'intestino e alla fine scompare sotto forma di flatulenza.

Una causa frequente di ciò è l'alimentazione. Alcuni alimenti causano flatulenza, come i legumi e cavolo. I prodotti integrali favoriscono anche la formazione di gas intestinali.

Inoltre, la flora batterica dell'intestino è significativamente coinvolta nella formazione dei gas. Questi gas sono prodotti nel processo metabolico del batteri e poi diventano evidenti per flatulenza. Se i dolci vengono mangiati frequentemente, la flatulenza può verificarsi più spesso, come batteri preferiscono metabolizzare cibi zuccherini e quindi produrre più gas.

L' flora intestinale è in un equilibrio sensibile, da cui può uscire equilibrio. Una causa frequente di ciò è la terapia antibiotica. Ciò può far sì che l'intestino sia ricoperto da funghi o alcune specie di batteri.

Lo squilibrio di flora intestinale può quindi manifestarsi come flatulenza. (Tuttavia, parte del vento intestinale è anche causato dall'aria ingerita, che entra nel tratto gastrointestinale quando si parla, si mangia e si beve e poi lo attraversa. Spesso viene ingerita molta aria, soprattutto durante i pasti frenetici.

Infine, la flatulenza può essere causata anche da varie intolleranze alimentari. La flatulenza è quindi solitamente molto pronunciata e si verifica in connessione diretta con l'assunzione di cibo. Se il cibo scatenante viene omesso, anche la flatulenza diminuisce rapidamente.

Lattosio l'intolleranza - intolleranza alle proteine ​​del latte - è particolarmente comune tra le intolleranze alimentari. Intolleranza al glutine e fruttosio può anche verificarsi. Anche i fattori psicologici giocano un ruolo nella digestione.

Pertanto, stress psicologico, preoccupazioni e fattori di tensione possono manifestarsi anche sotto forma di flatulenza. Molte donne lamentano anche flatulenza a volte durante gravidanza. Meno frequente cause di flatulenza sono, ad esempio, sindrome dell'intestino irritabile, fegato o malattie del pancreas, malattia infiammatoria intestinale cronica o intestinale cancro.

Queste malattie, tuttavia, di solito hanno altri sintomi che sono più importanti della flatulenza stessa. Il modo principale in cui l'aria esce dal corpo è l'espirazione. I gas entrano nel flusso sanguigno attraverso la parete intestinale e infine raggiungono i polmoni, dove lasciano nuovamente il corpo con l'aria che respiriamo.

Se la quantità di gas nell'intestino diventa troppo grande, si formano bolle di gas più grandi che non possono più essere espirate. Si verifica la formazione di schiuma. Ci sono due modi per far fuoriuscire dal corpo le bolle di gas così accumulate nell'addome: “verso l'alto” eruttando (“eruttazione”) o “verso il basso” per flatulenza (dal punto di vista medico: flatulenza).

L'eccessivo aria nell'addome può causare ulteriore disagio. Questi includono una sensazione di pienezza e pressione dolore (flatulenza) in stomaco e intestini, addome gonfio, nausea e rumori intestinali. Fondamentalmente, i pazienti sentono la necessità di sgonfiare l'aria per ridurre la corrispondente pressione in eccesso nell'intestino.

Il grado di sofferenza da flatulenza può variare. È particolarmente pronunciato quando la flatulenza è accompagnata da grave dolore. Per le persone colpite che sono sotto gli occhi del pubblico a causa della loro professione o che partecipano regolarmente alle riunioni nel loro lavoro quotidiano o mantengono frequenti contatti con i clienti, la flatulenza può anche causare un forte senso di vergogna.

Ma la flatulenza può anche essere un problema angosciante nella sfera privata. A volte la flatulenza richiede un trattamento. La flatulenza a volte ha un cattivo odore odore.

Ciò è normale, poiché i gas intestinali vengono condotti attraverso un'area intestinale intervallata da batteri. Tuttavia, se i gas intestinali sono estremamente forti, si deve anche esaminare se la causa della flatulenza potrebbe essere un'infezione fungina. Con la flatulenza, c'è troppa aria nel tratto gastrointestinale, che si espande tratto digestivo in modo innaturale e quindi provoca disagio.

Poiché l'intestino viene fornito con nervi, eccessivo stiramento della parete intestinale innesca un moderato a grave dolore addominale in caso di flatulenza, che dura finché l'aria non si sia dissipata o fuoriesca. Il dolore di solito ha un carattere tirante e lacerante. Se l'aria non può sfuggire, può verificarsi anche un dolore simile a un crampo nell'area dell'intestino.

Il dolore causato dalla flatulenza può essere trasmesso anche alla parte superiore dell'addome (superiore dolore addominale e flatulenza) e può essere così forte che il generale del paziente condizione si deteriora. Se, oltre alla flatulenza, si verifica anche la diarrea, due malattie vengono selezionate come cause. Il primo è lattosio intolleranza o intolleranza al glutine, la seconda è una malattia infettiva, come la cosiddetta gastroenterite.

Alcune malattie infiammatorie croniche, come colite ulcerosa or Malattia di Crohn, può anche essere la causa di gonfiore sintomi con diarrea. Anche in questo caso, una diagnosi esatta dovrebbe essere fatta il prima possibile se i sintomi non scompaiono entro 14 giorni. Al fine di diagnosticare la flatulenza (flatulenza), il medico si informerà innanzitutto sui possibili farmaci assunti, sulle malattie precedenti e sui sintomi di accompagnamento, nonché la dieta e stile di vita.

Questo è seguito da un approfondito esame fisico, durante il quale il medico palpa l'addome, lo picchietta e lo ascolta con uno stetoscopio. In determinate circostanze il medico palpa il file retto con il suo dito (cosiddetto esame rettale). A seconda dei risultati degli esami precedenti e della causa presunta, ulteriori esami fanno parte della diagnosi in caso di flatulenza.

Questi includono un file ultrasuono (ecografia) dell'addome, raggi X, sangue test, test delle urine e delle feci e test per le intolleranze alimentari (es. test di tolleranza al lattosio, vedere intolleranza al lattosio). Potrebbe essere necessario eseguire un file gastroscopia e / o a colonscopia con rimozione di piccole quantità di tessuto (biopsia). Procedure di imaging come tomografia computerizzata o risonanza magnetica per immagini o ERCP (imaging del bile e dotti pancreatici) possono anche essere utili nella ricerca delle cause.

Di norma, una diagnosi così complessa non è necessaria in caso di flatulenza. In molti casi, un test per l'intolleranza alimentare fornisce già informazioni sufficienti sulla causa dei sintomi e il medico può fare a meno di ulteriori esami. Sono frequenti le indicazioni di gravi malattie gastrointestinali vomito, vomito di sangue, sangue nelle feci, perdita di peso involontaria, febbre e feci maleodoranti e voluminose.