Brividi

  • Febris ondulare
  • Tremore muscolare

I brividi non sono una malattia in sé, ma possono essere un sintomo di molte altre malattie. Questo sintomo è definito come una sensazione di freddo, accompagnata da tremore muscolare involontario. I muscoli si contraggono a una frequenza molto rapida e poi si rilassano di nuovo senza che la persona colpita possa fare nulla al riguardo.

Normalmente, il brivido colpisce principalmente i muscoli grandi, cioè il coscia e i muscoli della schiena, e relativamente regolarmente anche i muscoli masticatori sono coinvolti nel processo. Di solito, un episodio del genere dura diversi minuti, con i brividi che diventano più forti e più deboli a intervalli. Poiché questo fenomeno dei brividi è un grande sforzo per il corpo, dopo un attacco di brividi spesso si è così esausti che si cade direttamente nel sonno profondo.

Quindi può succedere che un attacco vada praticamente subito a dormire. I brividi sembrano quasi esattamente come quando qualcuno inizia a tremare a causa del freddo intenso, per proteggere il corpo ipotermia. Il calore è generato dalla contrazione (contrazione) dei muscoli.

Quando la tensione e relax si alternano velocemente come nel caso dei brividi, questo è un metodo molto efficace per aumentare rapidamente la temperatura corporea. La normale temperatura corporea è di circa 37 ° C. Una persona sana è normalmente in grado di mantenere questa temperatura a un livello relativamente costante a causa dei suoi processi metabolici e dell'attività muscolare.

Ci sono trasmettitori nel corpo umano che assicurano che il “set point” per la temperatura corporea venga spostato verso l'alto, per così dire. Quindi il corpo improvvisamente “pensa” di dover aumentare la sua temperatura a 39 o 40 ° C, quindi cerca di produrre calore con il tremito muscolare. Allo stesso tempo, anche il metabolismo viene modificato e il sangue la circolazione viene aumentata per raggiungere il nuovo valore obiettivo.

La causa dei brividi può essere varie malattie. Nella maggior parte dei casi, tuttavia, i brividi si verificano nel contesto di malattie infettive febbrili (vedere febbre). Il motivo più comune per i brividi è probabilmente un semplice raffreddore o influenza.

Le malattie che sono spesso accompagnate anche da brividi lo sono polmonite (polmonite), scarlatto febbre, sangue e avvelenamento da funghi, erisipela, tetano, tifo febbre, infiammazione del bacino renale, infiammazione del epididimo o infiammazione del prostata. Tuttavia, i brividi sono anche un sintomo di varie malattie tropicali, che difficilmente si verificano in Germania. Quindi, se sviluppi un brivido dopo un viaggio in paesi tropicali, come il Sud America o l'Africa, dovresti consultare urgentemente un medico.

Il medico cercherà quindi di escludere malattie come malaria, antrace, vaiolo, febbre gialla o peste. Un'altra malattia molto rara, ma che dovrebbe essere presa in considerazione anche se un paziente lamenta brividi e nessuna delle possibilità più probabili può essere confermata come causa, è acuta glaucoma (cioè pressione intraoculare acutamente alta). L'esposizione alla luce solare diretta per un periodo troppo lungo può provocare calore ictus or insolazione.

Sebbene questi fenomeni di solito durino solo pochissimo tempo, sono spesso accompagnati da un brivido. Proprio come gli adulti, i bambini possono reagire alla febbre con i brividi. La causa più comune è un'infezione.

Tuttavia, i bambini sono colpiti da tali infezioni molto più frequentemente degli adulti e reagiscono molto rapidamente con un aumento della temperatura. Di conseguenza, i brividi sono abbastanza comuni nei bambini. Non è possibile consigliare quando un bambino dovrebbe vedere un pediatra a causa dei brividi o dovrebbe ricevere un farmaco per ridurre la febbre.

Piuttosto, questa decisione dovrebbe essere presa in base al livello e alla durata della febbre. Se la temperatura è leggermente elevata, non sono necessarie misure antipiretiche. Se la temperatura supera i 39 ° C, agenti antipiretici (es paracetamolo) possono essere somministrati in consultazione con il pediatra o misure antipiretiche come impacchi di vitello (tranne direttamente in caso di brividi) e può essere presa una sufficiente assunzione di liquidi.

Se la febbre dura più di un giorno o se non risponde al farmaco, consultare un pediatra. Questo vale anche se il bambino sviluppa sintomi aggiuntivi come rash cutanei or diarrea o se si osserva uno spasmo febbrile. Nei bambini più piccoli, la valutazione della febbre è spesso più difficile. Nei bambini di età inferiore a tre mesi è consigliabile una visita dal medico a partire da temperature di 38 ° C.

I bambini piccoli possono avere infezioni senza febbre. I genitori dovrebbero quindi sempre fare attenzione ai cambiamenti nel colore della pelle, rash cutanei o abitudini di consumo. Prima di tutto, se c'è un brivido, il dottore farà un dettaglio storia medica.

Ciò significa che al paziente viene chiesto in dettaglio i suoi sintomi. Ad esempio, il medico vorrà probabilmente sapere da quanto tempo sono presenti i brividi, se ci sono altri sintomi oltre ai brividi e se il paziente ha altre malattie. Inoltre, di solito chiede anche se di recente sia avvenuto un viaggio in un paese tropicale per sapere se deve considerare anche malattie che sono effettivamente insolite in Germania.

Dopo l'intervista, a esame fisico viene quindi eseguito. Durante questo esame, il medico vedrà se riesce a trovare dei centri evidenti di infiammazione sul corpo. Inoltre, lo farà ascoltare i polmoni e palpare il linfa nodi (in molte malattie infiammatorie, il linfonodi sono gonfi).

Dopodiché, il sospetto di una determinata causa dei brividi è stato generalmente convalidato a tal punto che possono seguire esami più specifici. Poiché la causa più comune di un brivido è una malattia infettiva batterica, il medico di solito deve disegnare sangue. Questo sangue viene quindi inviato a un laboratorio per l'esame, dove viene preparata un'emocoltura in cui viene determinato l'esatto patogeno.

In alcuni casi, è anche più utile prendere uno striscio, ad esempio nel caso di tonsille infiammate (tonsille) da scarlattina, in modo che anche una cultura possa essere preparata. A seconda dei sospetti del medico, possono essere necessari anche altri esami. Ad esempio, la broncoscopia (polmone endoscopia), petto raggi X, esame delle urine, rene ultrasuono, o misurazione della pressione intraoculare.

Il brivido di per sé è un sintomo, quindi non si può davvero dire che provochi altri sintomi. Tuttavia, oltre ai brividi, si trova quasi sempre il sintomo della febbre, che è il risultato dello sviluppo della malattia (vedi sopra). Può anche accadere che una persona affetta soffra di brividi, ma inizialmente non è possibile trovare la causa.

Quindi si dovrebbe pensare anche ad altre condizioni che possono portare a una sintomatologia simile. Questi includono ipertiroidismo, eccitazione mentale, che può avere una varietà di fattori scatenanti o sintomi di astinenza che possono verificarsi dopo aver interrotto sostanze che creano dipendenza come l'alcol, nicotina or antidolorifici. Il trattamento dei brividi varia a seconda della malattia sottostante.

Se i brividi sono causati da un semplice raffreddore o influenza e sono accompagnati da febbre, di solito nessun medico viene consultato e la persona interessata può curarsi. Nella maggior parte dei casi, anche semplici rimedi casalinghi come bagni caldi, tisane riscaldanti, impacchi freddi di vitello o la cosiddetta cura del sudore (si suppone che la febbre sia "sudata", il paziente viene tenuto al caldo essendo costantemente coperto da molte coperte ) forniscono sollievo dai sintomi. Se viene consultato un medico e lui o lei è stato in grado di identificare un particolare agente patogeno, lui o lei deciderà se è consigliabile o meno trattare con antibiotici, a seconda della malattia presente.

Se si prevede che una malattia guarisca da sola nel tempo senza ulteriori complicazioni, antibiotici non deve essere somministrato per prevenire una maggiore resistenza all'antibiotico utilizzato. Tuttavia, di solito è necessario somministrare antibiotici, soprattutto nel caso di malattie infettive tropicali, poiché queste possono spesso avere un decorso grave. Se i brividi sono il sintomo di accompagnamento di una patologia sottostante, occorre ovviamente prestare la massima attenzione a tenere sotto controllo la malattia, che poi in secondo luogo farà scomparire anche i brividi.

Questo vale ad esempio per glaucoma. Se i brividi sono il risultato del calore ictus or insolazione, il corpo deve essere raffreddato il più rapidamente possibile. Questo può essere fatto usando asciugamani freddi, impacchi di vitello o bagni. Potrebbe anche essere necessario stabilizzare la circolazione per evitare che la persona collassi.

È inoltre importante garantire un adeguato apporto di liquidi, idealmente una bevanda particolarmente ricca di sali minerali per compensare la perdita di liquidi e elettroliti causato da una maggiore sudorazione. Il trattamento farmacologico dovrebbe essere utilizzato solo in casi molto gravi e di solito viene eseguito con preparati che hanno un effetto positivo su febbre e dolore, come l'acido acetilsalicilico (Aspirina). Inoltre, la febbre può essere ridotta anche da omeopatia.

I brividi legati al raffreddore sono spesso solo il sintomo dell'aumento della febbre. Fondamentalmente, quindi, la cosa più importante è combattere la febbre. Alcuni rimedi casalinghi hanno un effetto dimostrato.

Il contrazioni muscolari in caso di brividi aiuta a raggiungere la temperatura target aumentata in caso di febbre. Questo può essere supportato fornendo al corpo calore dall'esterno. Lo scopo di questo è quello di "sudare" la febbre, per così dire (cura della sudorazione).

Metodi comprovati sono, ad esempio, un bagno caldo e un riposo a letto assoluto sotto forse diverse coperte. Anche il riscaldamento dall'interno può aiutare. Tè caldi, ad esempio di fiori di tiglio o sambucoo un brodo caldo sono un metodo scelto di frequente.

Ma bere molto ha un altro vantaggio: protegge il corpo da disidratazione, cosa che spesso accade con la febbre. Se i brividi sono il risultato del calore ictus or insolazione, le misure di raffreddamento possono aiutare. In ogni caso, un'ulteriore esposizione al sole dovrebbe essere evitata.

È meglio non stare fuori o almeno all'ombra, preferibilmente in posizione seduta in modo che la parte superiore del corpo e capo sono elevati. Asciugamani freddi e umidi sulla fronte o collo può aiutare, così come gli impacchi di vitello. Inoltre, dovresti anche bere molto!

gli impacchi di vitello sono un antichissimo rimedio casalingo che serve a raffreddare il corpo. Pertanto è spesso usato per abbassare la febbre. Se gli impacchi rimangono sul corpo per circa 10 minuti, il calore può essere ritirato in modo specifico.

Tuttavia, è importante che gli impacchi di vitello non vengano applicati se si verificano contemporaneamente freddo e febbre. I brividi dovrebbero dare calore al corpo. Avvolgendo i polpacci, il calore generato verrebbe immediatamente sottratto al corpo.

Pertanto, gli impacchi di vitello sono particolarmente utili in caso di febbre quando il corpo suda. Ciò significa che prima di indossare gli impacchi per polpacci dovresti sentire se mani e piedi sono freddi nonostante aumento della temperatura. In caso contrario, inumidire due panni con acqua fredda (16-20 ° C) e avvolgere entrambi i vitelli.

Le caviglie rimangono libere. Sopra di essi vengono posti due panni asciutti per raccogliere l'acqua in eccesso. Se è presente una malattia circolatoria arteriosa alle gambe, non utilizzare fasce per polpacci.