Anticolinergici

Definizione

Un anticolinergico è una sostanza attiva che agisce sul parasimpatico sistema nervoso. Il parasimpatico sistema nervoso fa parte del sistema nervoso autonomo. Involontariamente, cioè non soggetto a volontà, controlla la maggior parte dei organi interni e la sangue circolazione.

Ha una funzione di controllo della frenata e dello smorzamento nel metabolismo, garantendo così rigenerazione, recupero e protezione. Il trasmettitore (neurotrasmettitore) del parasimpatico sistema nervoso is acetilcolina. Quando acetilcolina viene rilasciato, agisce su vari recettori, che a loro volta trasmettono informazioni dal del sistema nervoso parasimpatico alla cella.

Il termine ́ ́Anticholinergika ́ ́ ora copre un gruppo di sostanze attive che sopprimono l'effetto di acetilcolina. Questi agiscono su un certo tipo di recettore, il tipo di recettore muscarinico. Questo tipo di recettori si trova principalmente nel cuore e nella muscolatura liscia, specialmente nella tratto digestivo. Qui gli anticolinergici provocano l'interruzione degli stimoli nervosi e quindi contrastano il sistema nervoso parasimpatico che rallenta e smorza il metabolismo

Entourage

Il del sistema nervoso parasimpatico stimola la digestione e abbassa il cuore tasso, gli anticolinergici hanno esattamente l'effetto opposto. Gli anticolinergici rilassano la muscolatura liscia del tratto digestivo e quindi inibire l'attività gastrointestinale. Inoltre, porta ad un aumento del cuore frequenza, che viene utilizzata nei disturbi del ritmo cardiaco lento (bradicardico).

Gli anticolinergici sopprimono la produzione di saliva, sudore e succo gastrico e dilatare il allievo (midriasi) negli occhi, che viene utilizzato, ad esempio, negli esami oftalmologici del parte posteriore dell'occhio. Questa dilatazione del allievo riduce la capacità di vedere (soprattutto nelle vicinanze) e porta a una forte sensibilità alla luce (fotofobia). Gli anticolinergici possono anche essere usati per trattare incontinenza urinariamolto frequenti urination e iperattivo vescica, poiché hanno un effetto rilassante sulla muscolatura liscia.

Questo è anche usato, ad esempio, per la bagnatura notturna (Enuresis nocturna) nei bambini. Gli anticolinergici svolgono anche un ruolo nel trattamento del morbo di Parkinson. Ad esempio, vengono utilizzati in un paziente di Parkinson contro la rigidità del corpo e la rigidità dello sguardo.

Atropina e anticolinergici simili

Il più noto ingrediente attivo degli anticolinergici è l'atropina. L'atropina è un ingrediente attivo velenoso che si trova nelle piante di belladonna come la tromba d'angelo, la jimsonweed e belladonna. Nel Rinascimento, le grandi alunne erano considerate particolarmente belle tra le donne europee (́ donna ́ ́).

L'impiego di belladonna gli estratti negli occhi hanno causato la dilatazione delle pupille fino a diversi giorni. È ancora usato in oftalmologia oggi, poiché facilita l'esame del parte posteriore dell'occhio quando le pupille sono larghe. Tuttavia, l'effetto anticolinergico dell'atropina viene utilizzato anche nei casi di coliche delle vie biliari o urinarie e gastrointestinali spasmi.

Anche l'effetto anticolinergico dell'atropina è importante in rianimazione dopo insufficienza cardiovascolare e nel trattamento del battito cardiaco troppo lento (bradicardia) a causa del suo effetto di aumento della frequenza sul cuore. Gli anticolinergici, che sono strettamente correlati all'atropina nella loro struttura chimica, come il tiotropio bromuro, sono usati in medicina per la malattia polmonare ostruttiva cronica (BPCO) perché dilatano i bronchi. Per il trattamento viene anche usato un farmaco correlato all'atropina malattia da viaggio. Ad esempio, un cerotto alla scopolamina sopprime il file nausea. L'atropina può essere utilizzata anche contro la sudorazione eccessiva (iperidrosi) a causa del suo effetto inibitorio sulla produzione di sudore.