Carboidrati

I carboidrati sono anche chiamati saccaridi (zuccheri). Sono costituiti da atomi di carbonio, acido e idrogeno e sono un termine collettivo per vari composti di zucchero. I carboidrati sono uno dei principali componenti nutrizionali, insieme a proteine e grassi, e soprattutto forniscono energia per le esigenze quotidiane a cui è esposto il nostro corpo.

Quando si cammina, running, respirazione, stare seduti e fare sport, i carboidrati assicurano che nuova energia sia costantemente disponibile per i muscoli. Oltre a fornire energia, i carboidrati sono anche responsabili della stabilità e del mantenimento strutturale di cellule, tessuti e organi. Un grammo di carboidrati fornisce 4.1 kcal (kilocalorie) di energia ed è rapidamente disponibile rispetto a grassi e proteine.

I carboidrati sono immagazzinati nel nostro corpo come glucosio. I principali siti di archiviazione sono i fegato con circa 140 grammi e la muscolatura scheletrica fino a 600 grammi. I vari alimenti contenenti carboidrati possono essere distinti in base al loro indice glicemico (IG), che fornisce informazioni sulla velocità di assorbimento dei carboidrati dal cibo.

Più alto è l'indice glicemico, più carboidrati possono essere ingeriti. I carboidrati sono utilizzati anche in molti altri prodotti di uso quotidiano. Possono essere trovati in adesivi e bobine di pellicola.

Chimica

I carboidrati sono, insieme ai grassi (lipidi) e proteine, uno dei tre principali nutrienti per il corpo umano. Possono essere suddivisi in zuccheri semplici (monosaccaridi) e zuccheri multipli (polisaccaridi); i secondi sono composti dal primo. I monosaccaridi più importanti per l'uomo sono composti in determinate combinazioni, formano disaccaridi come I polisaccaridi, a loro volta, sono costituiti da un numero molto maggiore di monosaccaridi collegati in modo complesso.

Nelle piante questa forma di immagazzinamento di carboidrati è chiamata amido, nella carne (e di conseguenza nel corpo umano) glicogeno. L'unica differenza tra i due è il modo in cui i monosaccaridi sono collegati tra loro. Se i carboidrati vengono assunti con il cibo, devono prima essere scomposti nei loro componenti monosaccaridici prima che possano essere assorbiti nel flusso sanguigno.

Il fatto che questo passaggio venga omesso nell'assunzione di monosaccaridi è alla base della saggezza "Il destrosio va direttamente nel sangue“. La decomposizione inizia già in cavità orale sotto forma dell'enzima amilasi contenuto in saliva. La degradazione continua nel tratto intestinale prima che i monosaccaridi vengano trasportati dall'interno dell'intestino attraverso le cellule della parete intestinale nell'ambiente circostante sangue vasi, da dove possono essere distribuiti in tutto il corpo.

I carboidrati quindi entrano nelle cellule del corpo solo dal sangue sotto forma di monosaccaridi. Ci sono essenzialmente tre possibilità qui: o le molecole sono usate come mattoni, ad esempio per le molecole di zucchero sulla superficie dei globuli rossi che determinano il gruppi sanguigni, oppure sono usati per produrre energia - in questo caso possono essere scomposti direttamente in ATP, l'unità energetica del corpo, oppure possono essere combinati per formare il glicogeno, la forma di immagazzinamento dei carboidrati del corpo. Quest'ultimo si verifica quando c'è un surplus di nutrienti e il glicogeno risultante può essere poi scomposto nuovamente in base alle necessità e le sue singole parti utilizzate per produrre ATP.

  • Glucosio (destrosio)
  • Fruttosio (zucchero della frutta)
  • mannosio
  • Galattosio (zucchero del latte).
  • Maltosio (due molecole di glucosio)
  • Saccarosio (glucosio + fruttosio)
  • Lattosio (glucosio e galattosio).