Gli autoanticorpi

Cosa sono gli autoanticorpi?

Il sistema di difesa del nostro corpo produce continuamente il cosiddetto anticorpi, piccolo proteine che supportano le cellule immunitarie nella loro difesa contro i patogeni e cancro cellule. Sfortunatamente, questo sistema non è infallibile e alcune persone producono anticorpi che fanno sentire le cellule del nostro corpo estranee e minacciose. Questo porta le cellule immunitarie a distruggere queste cellule, provocando malattie come i reumatoidi artrite or diabete mellitus tipo 1. Questi anticorpi, che sono diretti contro le cellule del corpo stesso, sono chiamati autoanticorpi.

Esistono questi autoanticorpi

Esiste un gran numero di autoanticorpi noti. Quella che segue è una panoramica degli autoanticorpi tipici e delle malattie ad essi associate:

  • Anticorpo recettore dell'acetilcolina (AChR-Ak) nella miastenia grave
  • Anticorpi antimitocondriali (AMA) nella cirrosi biliare primaria
  • Anticorpi antinucleari (ANA) in una varietà di malattie (ad es. Lupus eritematoso, sclerodermia)
  • Anticorpi DNA a doppia elica (anti-dsDNA) nel lupus eritematoso sistemico e altre collagenosi
  • Anticorpi antifosfolipidi (aPL) nella sindrome da antifosfolipidi
  • Anticorpi citoplasmatici anti-neutrofili (c-ANCA) nella malattia di Wegener
  • Anticorpi perinucleari anti-neutrofili (pANCA) nella poliangite microscopica e in altre malattie
  • Fattore reumatoide (RF) nell'artrite reumatoide
  • Antitiroglobulina (Anti-Tg)
  • Anticorpo anti-tiroeroperossidasi (TPO-AK) e TSH autoanticorpi recettori nelle malattie della tiroide autoimmuni.

Questi sintomi causano autoanticorpi

Gli autoanticorpi possono scatenare una varietà di malattie quasi ovunque nel nostro corpo e quindi avere una vasta gamma di sintomi. Ciò che hanno tutti in comune è che il tessuto funzionale viene distrutto dal nostro corpo sistema immunitario. In ogni caso, ciò porta ad una limitazione funzionale della regione corporea interessata.

In Giunti, ad esempio, questo porta a una dolorosa restrizione del movimento (ad esempio nei reumatoidi artrite), in organi a prestazioni ridotte (ad es. ridotta produzione di ormoni tiroidei in Hashimoto tiroidite o ridotto insulina produzione di il pancreas in diabete mellito tipo I) o alla debolezza muscolare come in miastenia grave. Tali malattie autoimmuni sono spesso accompagnate da stanchezza generale, stanchezza e debolezza.

Molti pazienti mostrano anemia relativa. Alcune malattie possono essere viste anche dall'esterno del corpo, come quelle dolorose, infiammate Giunti in reumatismo oppure cambiamenti della pelle in lupus eritematoso. Altre malattie si manifestano attraverso il deterioramento degli organi o addirittura l'insufficienza d'organo.

Si può quindi vedere che i tanti diversi autoanticorpi sono causa di molte malattie che, a seconda del tessuto danneggiato, si manifestano con sintomi molto diversi. Il cosiddetto fattore reumatoide (RF) è probabilmente uno degli autoanticorpi più conosciuti. Viene utilizzato nella diagnosi dei reumatoidi artrite, una malattia infiammatoria cronica del Giunti e spesso anche di organi interni.

Dolorosa infiammazione del piccolo dito le articolazioni sono tipiche, accompagnate da gravi rigidità mattutina. Molti pazienti subiscono anche danni al organi interni, come l'infiammazione del pianto or pericardio. Se artrite reumatoide si sospetta, diversi parametri possono essere determinati con a sangue test, compreso il fattore reumatoide.

Se il fattore reumatoide si manifesta in alte concentrazioni, questo può essere un'indicazione artrite reumatoide. Purtroppo il fattore reumatoide non mostra una specificità particolarmente elevata, il che significa che può essere elevato anche in molte persone sane o nelle infezioni croniche. Spesso è rilevabile solo nel corso della malattia.

Pertanto, la determinazione aggiuntiva dell'anticorpo anti-CCP, che ha una specificità maggiore, può essere utile. Tuttavia, i sintomi fisici di un paziente sono decisivi per la diagnosi di artrite reumatoide. Ad esempio, un fattore reumatoide positivo senza disturbi articolari non è considerato artrite reumatoide.

Anche il seguente articolo potrebbe interessarti a questo punto: Reumatismi Gli anticorpi antinucleari, noti anche come ANA, possono essere elevati in molte malattie autoimmuni, ma sono tipici principalmente del gruppo delle collagenosi. Collagenoses è un termine collettivo per le malattie autoimmuni che colpiscono principalmente il tessuto connettivo e sono più comuni nelle donne. I rappresentanti noti di questo gruppo sono lupus eritematoso, sclerodermia or Sindrome di Sjogren.

In tutte queste malattie, gli anticorpi antinucleari possono essere tipicamente rilevati nel sangue, quindi non sono specifici per una malattia. Tuttavia, procedure di laboratorio più complesse possono essere utilizzate per differenziare gli autoanticorpi ancora più chiaramente l'uno dall'altro e per trovare modelli tipici per le singole malattie. È importante notare che un ANA positivo non dovrebbe portare a una terapia senza sintomi fisici.

D'altra parte, la sospetta collagenosi con sintomi tipici non dovrebbe essere rifiutata a causa di autoanticorpi negativi. Quindi, un ANA positivo sangue il test può fornire un'indicazione della malattia, ma non può mai portare a una diagnosi da solo. Gli anticorpi citoplasmatici antineutrofili, o ANCA in breve, sono tipicamente elevati nelle malattie del vasculite gruppo.

In questo gruppo di malattie autoimmuni, il sistema immunitario attacca erroneamente il sangue del nostro corpo vasi. L'uso diagnostico di ANCA implica l'esame del sangue per diversi tipi di questo autoanticorpo. Ad esempio, l'autoanticorpo cANCA è spesso elevato nella cosiddetta granulomatosi con poliangioite (malattia di Wegener).

Questa malattia reumatica si manifesta nelle fasi iniziali attraverso infezioni aspecifiche della tomaia vie respiratorie oppure orecchio medio e può portare a complicazioni potenzialmente letali in tutto il corpo. Al contrario, l'autoanticorpo pANCA è elevato nella cosiddetta sindrome di Churg-Strauss e nella poliangite microscopica. Entrambe sono malattie che colpiscono principalmente il sangue piccolo vasi e, a seconda della regione del corpo, portano a una varietà di sintomi fino all'insufficienza d'organo.

Infine, possono essere rilevati anche ANCA atipici. Questi possono verificarsi in molte malattie autoimmuni al di fuori di vasculite, come le malattie infiammatorie croniche intestinali come Malattia di Crohn or colite ulcerosa. L'anticorpo antimitocondriale, in breve AMA, è tipico della colangite biliare primaria (PBC) della malattia autoimmune.

Questa è un'infiammazione cronica del piccolo bile condotti situati nel fegato. Nel corso della malattia questo porta ad un rimodellamento strutturale del fegato e infine al cosiddetto cirrosi epatica, che è associato a un significativo deterioramento della funzione degli organi e un aumento del rischio di fegato cancro. Il significato dell'AMA è relativamente buono e positivo in circa il 90% dei pazienti con PBC.

Inoltre, spesso possono essere rilevati autoanticorpi antinucleari tipici (ANA specifici per PBC). Purtroppo la terapia della colangite biliare primitiva è ancora oggi difficile, ma con una diagnosi precoce è possibile rallentare la progressione della malattia. Gli anticorpi antifosfolipidi sono autoanticorpi specifici per la sindrome da antifosfolipidi.

In questa malattia autoimmune, anormale coagulazione del sangue si verifica, il che porta alla formazione ricorrente di coaguli di sangue. Questi possono portare a ulcere sulla pelle, ma possono anche interrompere l'afflusso di sangue agli organi e quindi danneggiarli (ad es. In caso di penalità). Per poter fare una diagnosi di sindrome da antifosfolipidi, oltre alla presenza di coaguli di sangue, deve essere presente nel sangue un anticorpo antifosfolipide positivo.

L'anti-acetilcolina l'anticorpo recettore (AChR-AK) è elevato nella malattia autoimmune miastenia grave. In questa malattia, gli autoanticorpi bloccano la trasmissione dell'eccitazione tra nervo e muscolo - il risultato è un affaticamento eccessivamente rapido dei muscoli, che richiedono un lungo periodo di riposo per il recupero. I tipici sintomi iniziali sono palpebre cadenti, visione doppia, difficoltà a deglutire e parlare.

Oltre agli anti-acetilcolina anticorpi recettori, esistono altri autoanticorpi che possono scatenare la malattia. Oggi, miastenia grave è ben curabile. Il TSH l'anticorpo recettore, noto anche come TRAK, è particolarmente tipico per la malattia della tiroide malattia di Graves '.

In questa malattia autoimmune, gli autoanticorpi attivano le cellule tiroidee e le stimolano a produrre più ormoni. Il risultato è un pronunciato ipertiroidismo con sintomi come palpitazioni, perdita di peso e sudorazione eccessiva. TSH gli anticorpi recettori si trovano in oltre il 90% dei malattia di Graves ' pazienti e sono quindi molto adatti per la diagnosi di ipertiroidismo.

Un altro autoanticorpo che si verifica frequentemente è l'anticorpo tiroperossidasi (TPO-AK). Gli autoanticorpi anti-CCP si trovano frequentemente nell'artrite reumatoide. Questa ben nota malattia autoimmune porta all'infiammazione cronica delle articolazioni, ma può anche colpire gli organi.

La diagnosi di base dell'artrite reumatoide include anche la determinazione degli autoanticorpi nel sangue. Qui, gli anticorpi anti-CCP sono positivi in ​​ca. 60% dei pazienti con artrite reumatoide.

Questi autoanticorpi sono molto specifici, il che significa che quasi tutti i pazienti con un anti-CCP positivo soffrono effettivamente di artrite reumatoide. Questo è il vantaggio rispetto all'altro tipico fattore reumatoide autoanticorpo. Va notato che non tutti i pazienti con artrite reumatoide devono avere autoanticorpi nel sangue.

L'anticorpo DNA a doppia elica (anticorpo anti-dsDNA) appartiene al gruppo degli anticorpi antinucleari (ANA), che sono tipicamente elevati nelle malattie autoimmuni del tessuto connettivo, le cosiddette collagenosi. Qui, l'anticorpo anti-dsDNA è molto specifico per lupus eritematoso, una malattia autoimmune che può colpire tessuto connettivo per tutto il corpo. Questo può portare a cambiamenti della pelle, infiammazione articolare e rene fallimento.

L'anticorpo anti-dsDNA non solo può indicare il lupus eritematoso, ma anche esprimere l'attività della malattia: più alto è l'autoanticorpo, più attiva è attualmente la malattia recidivante-remittente. Gli anticorpi contro le cellule endoteliali sono tipici della cosiddetta sindrome di Kawasaki. Questa malattia autoimmune è causata da una grave infiammazione del sangue di medie dimensioni vasi e colpisce principalmente i bambini.

I sintomi tipici sono alti febbre, congiuntivite, labbra rosso vivo e lingua, gonfiore del linfa nodi nel file collo e un'eruzione cutanea su tutto il corpo. Gli anticorpi contro le cellule endoteliali possono essere rilevati nel esame del sangue.