Valori tiroidei: cosa indicano

Quali sono i livelli della tiroide?

La produzione ormonale della tiroide viene adattata al rispettivo fabbisogno in interazione con l'ipofisi. I valori della tiroide nel sangue indicano quindi non solo come funziona la ghiandola tiroide stessa, ma anche se e quanto bene funziona il circuito di controllo.

Viene fatta una distinzione tra il TSH prodotto nell’ipofisi (“livello tiroideo centrale”) e gli ormoni T3 e T4 prodotti nella ghiandola tiroidea (“livelli tiroidei periferici”).

livello di TSH

Il TSH (ormone stimolante la tiroide = tireotropina) viene secreto dall'ipofisi e raggiunge la tiroide con il sangue. Lì stimola l'assorbimento di iodio e la produzione di T4 e T3. Se la concentrazione di questi due ormoni tiroidei nel sangue aumenta, la produzione di TSH diminuisce perché la ghiandola tiroidea ha meno bisogno di essere stimolata. Pertanto, la ghiandola pituitaria e la ghiandola tiroidea sono correlate.

Maggiori informazioni al riguardo nell'articolo Valore TSH!

T3 e T4

L'emivita biologica del T3 è di circa 19 ore: dopo questo periodo, metà della quantità originaria dell'ormone è stata degradata. Al contrario, la T4 ha un’emivita biologica di circa 190 ore. Inoltre, nel sangue circola una quantità di T4 circa tre volte superiore a quella di T3.

Effetto di T3 e T4

Gli ormoni tiroidei controllano il metabolismo in molti modi influenzando la sintesi di varie proteine ​​nelle cellule del corpo. Promuovono anche la secrezione ormonale in alcuni organi, ad esempio nel pancreas e nella ghiandola surrenale. Nell'infanzia, gli ormoni tiroidei sono di grande importanza per la crescita e lo sviluppo del cervello. In sintesi, i principali effetti degli ormoni tiroidei sono i seguenti:

  • Aumento dell’attività metabolica a riposo (metabolismo basale) e quindi del consumo di ossigeno.
  • Promozione della sintesi proteica, del metabolismo dei carboidrati e dei grassi
  • @ Regolazione del bilancio termico e della temperatura corporea
  • Promuovere la crescita, in particolare del sistema nervoso e scheletrico nello sviluppo embrionale e infantile.
  • aumento dell’escrezione di colesterolo

Quando vengono determinati i livelli della tiroide?

Gli ormoni tiroidei sono determinati per i seguenti problemi:

  • Esiste ipotiroidismo o ipertiroidismo?
  • In caso di ipertiroidismo o ipotiroidismo il circuito di controllo ormonale con l’ipofisi è disturbato?
  • C'è una ipoattività della ghiandola pituitaria?
  • La tiroide è infiammata?
  • L’ipotiroidismo viene trattato con la giusta quantità di ormoni?

Inoltre il TSH viene determinato prima di ogni intervento (tolleranza all'anestesia!) e prima di ogni esame radiologico con mezzi di contrasto contenenti iodio. Questo valore da solo è solitamente sufficiente in questo caso, poiché cambia anche in caso di disturbi della funzionalità tiroidea.

Valori ematici: tiroide e ipofisi

Valore della tiroide

Valore normale (siero di sangue)

TSH-basale

0.27 – 4.20 µIU/ml

T3 libero (fT3)

2.5 – 4.4 ng/l (3.9-6.7 pmol/l)

Totale T3

0.8 – 1.8 µg/l (1.2-2.8 nmol/l)

T4 libero (fT4)

9.9 – 16 ng/l (12.7-20.8 pmol/l)

Totale T4

56 – 123 µg/l (72-158 nmol/l)

Tuttavia, questi intervalli di riferimento possono differire da laboratorio a laboratorio poiché utilizzano metodi di misurazione diversi. Nei bambini si applicano valori standard più elevati a seconda dell'età; negli anziani tendono ad applicarsi valori più bassi.

In pratica, non sempre il medico determina tutti i valori della tiroide. Ad esempio, il valore del TSH è sufficiente per escludere un disturbo primario della tiroide. Inoltre i valori degli ormoni tiroidei liberi sono più informativi rispetto ai valori totali, poiché solo i primi sono biologicamente attivi. Per determinare l’ipotiroidismo, il medico solitamente determina i livelli di TSH e fT4. Per la diagnosi di ipertiroidismo sono importanti TSH, fT4 e fT3.

Quando i valori della tiroide aumentano o diminuiscono?

A volte, tuttavia, la ghiandola pituitaria produce anche una quantità insufficiente di TSH (e altri ormoni). Questa è chiamata insufficienza ipofisaria. Molto raramente, anche un tumore all’ipofisi può produrre troppo TSH. Se il valore del TSH viene alterato, vengono determinati anche T3 e T4. Ciò si traduce in costellazioni tipiche di valori tiroidei in diverse malattie:

TSH aumentato, T3 e T4 diminuiti.

Questa costellazione indica una tiroide ipoattiva (ipotiroidismo). I valori di T3 e T4 diminuiscono perché la ghiandola tiroidea produce quantità insufficienti di entrambi gli ormoni. In risposta, la ghiandola pituitaria tenta di aumentare la funzione tiroidea con una maggiore secrezione di TSH. L'ipotiroidismo si verifica principalmente nelle malattie autoimmuni della tiroide (come la tiroidite di Hashimoto).

TSH diminuito, T3 e T4 aumentati

  • Morbo di Graves o tiroidite in episodio acuto
  • adenoma tiroideo produttore di ormoni autonomi (“nodulo caldo”)
  • ingrossamento della tiroide (gozzo, “gozzo”)

TSH aumentato/diminuito, T3 e T4 normali

In caso di ipotiroidismo incipiente (latente) o ipertiroidismo, anche la ghiandola tiroidea è disturbata. Tuttavia, i valori di T3 e T4 sono (ancora) normali perché l’ipofisi contrasta ciò aumentando o diminuendo i valori di TSH.

TSH diminuito, T3 e T4 diminuiti

Questa costellazione di valori indica la rara ipofunzione dell'ipofisi (più precisamente: insufficienza dell'ipofisi anteriore). Dovrebbe effettivamente produrre più TSH se T3 e T4 sono troppo bassi. Tuttavia, questo non è possibile con l’ipofunzione della ghiandola pituitaria.

TSH normale/aumentato, T3 e T4 aumentati.

In caso di iperfunzione ipofisaria accade il contrario: la ghiandola pituitaria non riduce la secrezione di TSH quando i livelli di T3 e T4 aumentano. A volte produce addirittura più TSH (ad esempio a causa di un tumore), quindi aumenta anche il valore del TSH nel sangue. Come l’ipofunzione della ghiandola pituitaria, anche l’iperfunzione è molto rara.

Ancora un’altra condizione può aumentare i livelli di TSH, così come di T3 e T4: la resistenza agli ormoni tiroidei. In questa rarissima malattia ereditaria, il gene del recettore T3 è alterato e difettoso.

Può anche darsi che il livello di uno solo degli ormoni T3 o T4 sia alterato. Nelle prime fasi dell’ipertiroidismo, ad esempio, il T3 è elevato ma il T4 no. Nella carenza estrema di iodio, il T3 è elevato ma il T4 è ridotto.

Valori tiroidei alterati: cosa fare?

Se uno o più valori della tiroide sono alterati, un endocrinologo (specialista in disturbi ormonali) dovrebbe avviare ulteriori indagini per determinarne la causa.

Nella maggior parte dei casi, viene eseguita prima un'ecografia (esame ecografico) della ghiandola tiroidea per esaminarne più da vicino la struttura. Ciò può rivelare cambiamenti nelle dimensioni e nelle condizioni. Inoltre, l’attività metabolica della tiroide può essere determinata mediante la cosiddetta scintigrafia. A volte è necessario forare anche la ghiandola tiroidea per prelevare un campione di tessuto, ad esempio se si sospetta un cancro.

Una volta individuata la causa dei valori alterati della tiroide, in molti casi si può iniziare una terapia con farmaci.