Terapia fisica: metodi e applicazione

Che cos'è la terapia fisica?

La terapia fisica o medicina fisica è uno dei rimedi e viene utilizzata da fisioterapisti qualificati. La terapia fisica comprende varie procedure che hanno tutte una cosa in comune: utilizzano stimoli esterni per suscitare una risposta fisica naturale. Il calore, il freddo, la pressione o la trazione, gli stimoli elettrici o gli esercizi di fisioterapia attivano determinati processi nel corpo che aiutano ad eliminare disfunzioni muscolo-scheletriche, dolori, problemi circolatori o malattie della pelle.

Rimedio: massaggio terapeutico

Cos'è un massaggio terapeutico?

Qui il terapista lavora sulla parte del corpo interessata con speciali impugnature massaggianti. Le tecniche collaudate includono accarezzare, picchiettare, impastare e sfregare. In questo modo vengono stimolati la pelle, il tessuto sottocutaneo, i muscoli, i tendini e il tessuto connettivo, nonché i nervi, i vasi sanguigni e linfatici associati.

I principali ambiti di applicazione di questo metodo comprendono tensioni muscolari, dolori cronici, aderenze e cicatrici nei tessuti e disturbi digestivi.

Come si applica un massaggio terapeutico?

A seconda dei sintomi sono disponibili diversi metodi di massaggio, che vanno dalla massoterapia classica (KMT), al massaggio del tessuto connettivo, al drenaggio linfatico e al massaggio del colon (intestinale), fino al massaggio periostale (periostale) e subacqueo.

Quando il massaggio terapeutico non è adatto?

Esistono alcune controindicazioni per le quali il massaggio terapeutico non deve essere utilizzato. Questi includono lesioni muscoloscheletriche acute, strappi muscolari freschi, malattie febbrili, trombosi acute e infezioni febbrili.

Per ulteriori informazioni sul massaggio terapeutico, vedere l'articolo Massaggio terapeutico.

Rimedio: terapia inalatoria

Cos’è la terapia inalatoria?

Quando ricorrere alla terapia inalatoria?

Tipici campi di applicazione di questo metodo di terapia fisica sono le malattie delle vie respiratorie. Questi includono, ad esempio, la bronchite acuta e cronica, l'asma bronchiale e la malattia polmonare ostruttiva cronica (BPCO).

Come viene utilizzata la terapia inalatoria?

La persona interessata inala i principi attivi nebulizzati. A questo scopo sono disponibili diversi sistemi di applicazione, ad esempio maschere per inalazione, inalatori dosati, nebulizzatori a getto o nebulizzatori a ultrasuoni.

Quando la terapia inalatoria non è adatta?

Reazioni allergiche come la tosse sono contrarie alla terapia inalatoria.

Per maggiori informazioni sulla terapia inalatoria consultare l'articolo Inalazione.

Rimedio: terapia fisica

Cos'è la terapia fisica?

Quando viene utilizzata la terapia fisica?

Le misure di fisioterapia vengono utilizzate, ad esempio, dopo infortuni accidentali, come integrazione alla terapia, ad esempio in caso di cancro, malattie cardiovascolari e metaboliche, e come misura preventiva. Possono anche avere un effetto di miglioramento dell’umore su malattie mentali come la depressione.

Come viene applicata la terapia fisica?

I principali metodi di terapia fisica sono la fisioterapia e la terapia manuale.

Quando la terapia fisica non è adatta?

I metodi di terapia fisica non sono adatti, ad esempio, per lesioni acute del sistema muscolo-scheletrico come fratture ossee fresche e infezioni febbrili.

Per ulteriori informazioni sulla terapia fisica, vedere l'articolo Terapia fisica.

Rimedio: elettroterapia

Cos'è l'elettroterapia?

Quando viene utilizzata l'elettroterapia?

Questa forma di trattamento fisioterapico viene solitamente utilizzata come coadiuvante per favorire il processo di guarigione, stimolare la circolazione, rilassare i muscoli o alleviare il dolore.

Come viene utilizzata l'elettroterapia?

Esistono diversi tipi di elettroterapia che affrontano diversi sintomi con una terapia fisica mirata:

  • Terapia a corrente continua: favorisce la circolazione sanguigna
  • Terapia a bassa frequenza: ha un ulteriore effetto antinfiammatorio e antidolorifico
  • Terapia a media frequenza: migliora il metabolismo dei muscoli
  • Terapia ad alta frequenza: scioglie i muscoli tesi e favorisce il processo di guarigione dopo gli infortuni

Quando l’elettroterapia non è adatta?

A cosa devo prestare attenzione prima e dopo l’elettroterapia?

Dopo il trattamento, pulire e applicare la crema sulle aree della pelle in cui sono stati posizionati gli elettrodi. Se l'elettroterapia viene utilizzata per trattare il dolore, è necessario fare una pausa per almeno 14 giorni dopo circa 10 sedute.

Per ulteriori informazioni sull'elettroterapia, vedere l'articolo Elettroterapia.

Rimedio: Bagni di acido carbonico

Cos'è un bagno di acido carbonico?

Anche i bagni di acido carbonico rientrano nelle terapie fisiche. In un bagno di acido carbonico, ci si bagna in acqua a cui è stato aggiunto acido carbonico. Il rapporto di miscelazione deve essere di almeno un grammo di anidride carbonica per chilogrammo di acqua.

Quando vengono utilizzati i bagni di acido carbonico?

I bagni di acido carbonico vengono utilizzati principalmente in terapia fisica per trattare lievi disturbi circolatori e ipertensione moderata. Di conseguenza, le indicazioni classiche includono quanto segue:

  • Forme lievi di malattia occlusiva arteriosa periferica
  • Disturbi microcircolatori della pelle
  • Disturbi cardiovascolari
  • Disturbi circolatori venosi
  • Ulcere della pelle, ulcere venose
  • Insufficienza venosa cronica
  • reumatismo

Come si applica un bagno di acido carbonico?

A seconda della fonte sottostante dell'acido carbonico si distinguono le seguenti forme di applicazione:

  • Bagni naturali di anidride carbonica: fonti naturali di anidride carbonica si trovano in Germania, ad esempio a Bad Salzuflen e Bad Ems.
  • Bagni artificiali di acido carbonico: preparati meccanicamente o chimicamente. Meccanicamente aggiungendo acido carbonico gassoso all'acqua da una bottiglia di acciaio. Chimicamente aggiungendo carbonato acido di sodio come vettore di acido carbonico e, ad esempio, solfato di alluminio come generatore di acido carbonico.
  • Bagni secchi all'acido carbonico/bagni a gas: si effettuano in vasche a sedile riscaldate elettricamente o, nel caso di bagni parziali, con l'ausilio di una scatola riscaldata con apertura per il braccio o la gamba. Negli impianti di trattamento viene immessa anidride carbonica.

Quando non è adatto un bagno di acido carbonico?

  • Malattie febbrili
  • Insufficienza cardiaca
  • Eczema esteso e lacrimante
  • Infarto miocardico acuto
  • Infezioni delle ferite (cancrena)

A cosa dovrei prestare attenzione durante un bagno di acido carbonico?

Durante il bagno è opportuno muoversi il meno possibile per non ridurre la concentrazione di anidride carbonica nell'acqua. Inoltre bisogna fare attenzione a tenere la testa ben al di sopra del bordo della vasca per non inalare troppo gas. Dopo un trattamento con acido carbonico è opportuno riposare per almeno 30 minuti.

Rimedio: termoterapia

Cos'è la termoterapia?

Come procedura di terapia fisica, la termoterapia comprende trattamenti caldi e freddi. Entrambe le procedure hanno effetto sulla tensione muscolare e sulla circolazione sanguigna e alleviano anche il dolore.

Quando utilizzare la termoterapia?

Come si applica la termoterapia?

Per i trattamenti termici sono disponibili diversi strumenti, tra cui ad esempio gli ultrasuoni, gli infrarossi e l'aria calda. Le applicazioni della terapia del freddo funzionano ad esempio con bagni di ghiaccio, impacchi di ghiaccio o gas freddo.

Quando la termoterapia non è adatta?

La terapia del calore è controindicata, ad esempio:

  • Infiammazioni acute come infezioni simil-influenzali o infiammazioni acute delle articolazioni
  • Insufficienza cardiaca
  • Alta pressione sanguigna (ipertensione)
  • Ipertiroidismo (ghiandola tiroidea iperattiva)
  • Cancro in fase avanzata
  • I metodi di terapia del freddo non devono essere utilizzati per:
  • Crioglobulinemia (una certa forma di infiammazione vascolare).
  • orticaria da freddo (formazione di ponfi sulla pelle in risposta a stimoli freddi)
  • Disturbi circolatori come la sindrome di Raynaud (attacchi di ridotto flusso sanguigno alle dita delle mani e dei piedi) Per ulteriori informazioni sulla termoterapia, vedere l'articolo Termoterapia.

Rimedi: Terapia manuale

Tipici campi di applicazione della terapia manuale sono i disturbi della colonna vertebrale, i dolori articolari, i dolori muscolari e le malattie reumatiche.

La terapia manuale può essere eseguita solo se non sono presenti lesioni acute alla colonna vertebrale come fratture, ustioni, infiammazioni o metastasi.

Per ulteriori informazioni sulla terapia manuale, vedere l'articolo Terapia manuale.