Intervento osteopatico | Osteopatia per la sindrome del piriforme

Intervento osteopatico

La cosa più importante in un file sindrome del piriforme è abbassare il tono del muscolo piriformis. La causa esatta dell'accorciamento dovrebbe essere scoperta. L'osteopata esamina la posizione del bacino rispetto al sacro.

Se la paletta pelvica è posizionata in avanti rispetto a sacro, la muscolo piriformis è teso eccessivamente e l'osteopata, mediante mobilizzazione o manipolazione, sposta la paletta pelvica all'indietro in modo che il muscolo piriforme non sia più in posizione allungata. In linea di principio, non c'è niente che l'osteopata possa fare contro un muscolo troppo lungo se non correggere il malposizionamento, che automaticamente accorcia nuovamente il muscolo. Un accorciamento del M. Piriformis può essere causato da un problema globale o da una pala pelvica posizionata all'indietro.

In primo luogo, l'osteopata applica tecniche dirette, cioè trigger o massaggio sul canale Muscolo Piriformis. Mostra anche al paziente un'indipendenza stiramento esercizio: seduto in una posizione lunga, posizionane uno gamba sull'altro lato e applicare una pressione aggiuntiva con il braccio opposto per aumentare il stiramento. Per allentare le aderenze, l'osteopata può anche utilizzare il "Blackroll"Aiuto.

Alcuni esercizi possono essere trovati nell'articolo Formazione fasciale. Se i disturbi diminuiscono dopo gli esercizi, l'unico sintomo è l'ipertono del muscolo Piriforme, che è causato da un sovraccarico durante l'allenamento o da una temporanea “chiusura” del muscolo durante uno stress acuto. Se i reclami non si attenuano, la pala pelvica può essere portata nella posizione corretta mediante una speciale mobilizzazione o manipolazione.

La posizione pelvica dovrebbe essere controllata dopo ogni mobilizzazione e se ciò non ha avuto successo, la manipolazione può essere eseguita. Anche dopo la manipolazione si può fare un trattamento diretto per migliorare la circolazione nel muscolo. Se i sintomi ancora non migliorano, potrebbe esserci un blocco nella zona della colonna lombare, soprattutto nella zona L5-S2, perché è lì che ha origine l'innervazione del muscolo piriforme.

Fare riferimento agli articoli sugli esercizi di mobilizzazione fisioterapica della colonna vertebrale lombare e mobilizzazione fisioterapica dell'anca Potrebbero esserci aderenze nella zona intestinale, che potrebbero tirare sul bacino e quindi portare a un malposizionamento. A causa dell'aumento del tono nell'area dell'intestino, il bacino viene tirato relativamente in avanti, in modo che a stiramento nel muscolo piriforme si verifica. Se le aderenze nella zona dell'intestino si allentano, il bacino continua a tornare nella posizione corretta. tessuto connettivo massaggio.

In caso contrario, è possibile utilizzare le tecniche sopra menzionate. Il muscolo poi si accorcia di nuovo e la funzione fisiologica viene ripristinata. Al contrario, un tono eccessivo di pavimento pelvico può tirare il bacino relativamente indietro, il che può portare all'ipertono del M. Piriformis.

L' pavimento pelvico può essere trattato con tecniche dirette o mediante mobilizzazione dell'anca. Inoltre, il paziente viene istruito a regolare il tono da solo respirazione e movimento pelvico. In generale, un tono aumentato in pavimento pelvico non va bene, in quanto può portare a gravidanze aggravate, urina residua, problemi quando si va in bagno e molto altro.

Se il tono del pavimento pelvico diminuisce, il bacino si raddrizza nuovamente o può essere sostenuto dalla suddetta mobilizzazione. Le tecniche dirette su M. Piriformis possono diminuire ulteriormente il tono. A causa della simile innervazione dell'intestino e del pavimento pelvico e dei muscoli, anche la colonna lombare dovrebbe essere esaminata per il blocco se si sospetta un disturbo in queste aree.

A causa del blocco, la fornitura di queste aree può essere limitata, in modo che possano verificarsi aderenze o ipertonie. L'apporto può essere ripristinato mobilitando o manipolando la colonna lombare inferiore. Questa visione olistica di osteopatia serve a comprendere meglio i processi nel corpo. Durante una sessione, è possibile esaminare anche gli arti inferiori per possibili restrizioni e blocchi di movimento, poiché potrebbe essersi verificato uno squilibrio muscolare e questo può essere fermato correggendo le strutture interessate.