Infarto miocardico (attacco di cuore): terapia chirurgica

Dopo un infarto, i pazienti devono prima ricevere cure mediche intensive. Questo è seguito dal primario intervento coronarico percutaneo (PCI) dell'infarto arteria (= la stenosi coronarica causativa; vedi sotto) nel caso di STEMI. Idealmente, il tempo per PCI dovrebbe essere inferiore a 90 minuti. Il fattore decisivo è il momento in cui è stata effettuata la diagnosi STEMI sulla base dei risultati dell'ECG:

  • Intervento coronarico percutaneo* (PCI) o intervento coronarico percutaneo (abbreviazione PCI; sinonimo: angioplastica coronarica transluminale percutanea, PTCA; inglese: angioplastica coronarica transluminale percutanea) - è usato per dilatare le coronarie stenotiche (ristrette) o completamente occluse (arterie che circondano il cuore a forma di ghirlanda e fornire al muscolo cardiaco sangue) (= rivascolarizzazione; rivascolarizzazione). La procedura è la prima opzione terapeutica nell'infarto miocardico acuto e può essere utilizzata inoltre per il trattamento della sindrome coronarica acuta instabile. Per maggiori informazioni sulla PCI vedi sotto "Intervento coronarico percutaneo (PCI) ".

Possibili operazioni dopo infarto miocardico (attacco di cuore) sono:

  • Bypass surgery * - deviazione delle coronarie ristrette o bloccate (arterie coronarie) collegandoli. Piccoli pezzi di vena dal basso o dall'alto gamba (aortocoronarico vena bypass) o una deviazione della mammaria interna arteria (bypass dell'arteria mammaria interna) vengono utilizzati per questo scopo.
  • Contropulsazione intraortica con palloncino (IABP): aumenta la gittata cardiaca (HRV) del 10-20%.
  • Pacemaker - Per aritmia cardiaca (vedi sotto il rispettivo Aritmia cardiaca).

* Vedi anche sotto coronarica cuore malattia (CHD) / Operativa terapia.

Ulteriori note

  • Nel 30-40% di tutti i pazienti con infarto miocardico, oltre alla stenosi coronarica causale (= infarto arteria). Gli studi dimostrano che ci sono vantaggi significativi per la rivascolarizzazione completa preventiva durante l'intervento coronarico percutaneo primario (PCI).
  • Secondo le linee guida, l'aspirazione manuale del trombo tramite catetere (“salvataggio del sangue coagulo dal vaso coronarico bloccato ") deve essere preso in considerazione per il trattamento dell'infarto miocardico con sopraslivellamento del tratto ST (STEMI) durante PCI. Lo studio TOTAL (studio randomizzato di trombectomia ad aspirazione manuale + PCI vs PCI da solo nello STEMI; in 20 paesi, 10,732 pazienti con STEMI) sfida questo approccio. In 5,033 pazienti, l'aspirazione manuale del trombo è stata eseguita di routine come parte della PCI primaria. Eventi gravi (infarto miocardico, cardiaco shock o grave cuore fallimento/insufficienza cardiaca, morte cardiovascolare) non sono stati prevenuti in modo significativo da questa procedura. Al 6.9% (trombectomia) e al 7% (gruppo di controllo senza trombectomia), i tassi di eventi a 6 mesi non erano significativamente differenti. Tuttavia, c'era una differenza significativa per il tasso di apoplessia; questo era sorprendentemente il doppio alla fine nel braccio della trombectomia rispetto al braccio di controllo dello studio (uno per cento contro lo 0.5%, p = 0.002).
  • Nello studio DANAMI 3-PREMULTI su 627 pazienti con STEMI acuto, PCI primario ha solo riaperto o stentato ("a ponte") il vaso dell'infarto (lesione colpevole) in 313 pazienti. I restanti 314 pazienti sono stati sottoposti a rivascolarizzazione completa guidata da FFR. Dopo un periodo di follow-up mediano di 27 mesi, il gruppo di pazienti in cui la lesione colpevole è stata stentata ha mostrato un evento endpoint nel 22% dei casi. Al contrario, il gruppo con rivascolarizzazione completa ha mostrato un evento endpoint solo nel 13% dei casi (HR 0.65; IC 95% 0.38-0.83, p = 0.004). Anche qui il tasso di reintervento è stato inferiore di quasi il 70%. Tuttavia, non c'erano differenze significative né nella mortalità per tutte le cause né nei tassi di reinfarto. Nota: nei pazienti con malattia coronarica a 3 vasi, il beneficio della rivascolarizzazione completa era più pronunciato rispetto ai pazienti con malattia a 2 o 1 vasi.
  • Il Norwegian After Eighty Study conferma che i pazienti clinicamente stabili con infarto miocardico senza innalzamento del tratto ST persistente che hanno almeno 80 anni di età beneficiano anche di un intervento coronarico percutaneo o di un intervento chirurgico di bypass oltre al farmaco terapia (COME UN, clopidogrel, a basso peso molecolare eparina, beta-bloccanti e statine). Di conseguenza, la probabilità di raggiungere il punto finale combinato (infarto miocardico, rivascolarizzazione di emergenza, ictuse morte) è stata ridotta del 47%.

Pazienti con sindrome coronarica acuta

Nei pazienti con sindrome coronarica acuta (ACS; sindrome coronarica acuta), il beneficio di precoce angiografia coronarica (procedura radiologica che utilizza agenti di contrasto per visualizzare il lume (interno) del arterie coronarie (arterie che circondano il cuore in una forma e rifornimento coronarico sangue al muscolo cardiaco)) seguita da rivascolarizzazione (rimozione di un'ostruzione al passaggio nel sangue occluso vasi) - di solito mediante intervento coronarico percutaneo (PCI; vedi sopra) - è ben documentato. Uno studio che utilizza dati analizzati dai registri danesi di pazienti (54,600 persone) ricoverati in un ospedale per una prima ACS fornisce dati validi al riguardo. Gli autori hanno classificato i pazienti con angiografia già nei primi 3 giorni dal ricovero ospedaliero e il resto come pazienti con una strategia di trattamento invasiva conservativa. Hanno formato due gruppi di 10,000 pazienti ciascuno. Entrambi i gruppi contenevano circa il 20% di pazienti con instabile angina ( 'petto tenuta "; insorgenza improvvisa di dolore nell'area del cuore), circa un terzo con infarto miocardico senza sopraslivellamento (NSTEMI) e un quinto con infarto miocardico con sopraslivellamento del tratto ST (STEMI). Il gruppo di pazienti con il intervento precoce strategia ricevuta angiografia dopo un giorno. Nel gruppo trattato convenzionalmente, angiografia si è verificato dopo una media di cinque giorni nel 58% dei pazienti. Pazienti all'inizio invasivi terapia il gruppo strategico è stato sottoposto a rivascolarizzazione invasiva nel 77% dei casi; nei pazienti trattati convenzionalmente, ciò si è verificato solo nel 42% dei casi. Risultati:

  • Il intervento precoce Il gruppo di strategia ha mostrato una mortalità per tutte le cause (tasso di morte) significativamente migliore rispetto al successivo: 7.3 contro 10.6
  • I pazienti anziani ne hanno beneficiato in particolare intervento precoce: 60 giorni dopo il ricovero in ospedale, un numero significativamente inferiore di pazienti era deceduto a causa di problemi cardiaci: 5.9 contro 7.6
  • Il ricovero per infarto miocardico si è verificato meno frequentemente con un intervento precoce: 3.4 contro 5.0%; i pazienti di età> 75 anni ne hanno beneficiato in particolare: 11.9 contro il 17.3%, i pazienti di età <75 anni non hanno beneficiato quasi del tutto: 3.4 contro 3.7
  • Anche i pazienti con infarto miocardico hanno beneficiato di una strategia precoce, come previsto; tasso di mortalità cardiaca (tasso di mortalità correlata al cuore): 6.9 contro 9.3
  • Pazienti con instabile angina non ha mostrato differenze significative per i 2 gruppi: 1.5 vs 0.9