Nutrizione in menopausa

Dall'età di 40 anni, in media dallo 0.3 allo 0.5 per cento dell'osso massa è perso ogni anno. Nel periodo prima e dopo menopausa, il tasso di perdita aumenta in media dal 2 al 5 percento all'anno.

Esercizio fisico regolare e un apporto ottimale di calcio ed vitamina D sono essenziali per il mantenimento del sistema scheletrico. Vitamina D può essere formato in pelle con l'aiuto della luce UV, ma questa capacità diminuisce con l'aumentare degli anni di vita. Inoltre calcio, vitamina D previene la perdita ossea e l'osteoporosi, perché questo nutriente lo garantisce calcio può essere assorbito nell'intestino in primo luogo e incorporato nel le ossa.

Vitamina D: integrazione nutrizionale

Fegato, uova, pesce e funghi forniscono determinate quantità di vitamina D, ma affidabile è un alimento specifico integrare, che dovrebbe essere discusso con il ginecologo. Inoltre, preparati contenenti zinco, cromo, silicio ed manganese aiutano a contrastare la perdita ossea.

A seconda delle circostanze della vita, del peso, dell'età e delle malattie sottostanti, nonché dell'assunzione di farmaci, della dieta integrare dovrebbe essere determinato.

Soia, trifoglio rosso e co.

Preparazioni ricche di isoflavoni da soia così come trifoglio rosso l'estratto è spesso promosso per alleviare sintomi della menopausa. Gli isoflavoni può avere un effetto simile agli ormoni nel corpo. Nelle pubblicità e sulle confezioni dei prodotti vengono descritte come sostanze naturali prive di effetti collaterali. Tuttavia, l'Istituto federale per la valutazione dei rischi è giunto alla conclusione opposta.

Le indagini lo hanno dimostrato isoflavoni in forma isolata e ad alte dosi compromettono la funzione del ghiandola tiroidea e alterare il tessuto della ghiandola mammaria. Inoltre non si può escludere completamente che lo sviluppo di cancro al seno potrebbe essere promosso. Poiché non ci sono prove solide e studi comparativi fino ad oggi per il sollievo di sintomi della menopausa, l'uso di questi preparati non può essere raccomandato.

Pasti regolari

Ci sono prove che vampate di calore e la sudorazione si verificano soprattutto quando sangue glucosio i livelli calano bruscamente. Sono quindi consigliati pasti regolari che corrispondono al dispendio energetico, soprattutto durante menopausa. alcol ed Caffè può intensificarsi vampate di calore e dovrebbe essere consumato solo in piccole quantità, almeno se i sintomi sono pronunciati.

Le donne che sono pienamente informate sui processi nel loro corpo e affrontano con calma la nuova fase della vita spesso hanno meno lamentele.