Lercanidipina: effetto, aree di utilizzo, effetti collaterali

Come funziona lercanidipina

La lercanidipina è un principio attivo del gruppo dei calcio-antagonisti, più precisamente del gruppo delle diidropiridine. Ha un effetto vasodilatatore e quindi abbassa la pressione sanguigna. La lercanidipina è quindi un farmaco antipertensivo. Abbassando la pressione sanguigna, previene gravi malattie secondarie come infarto e ictus.

I primi bloccanti dei canali del calcio che sono stati sviluppati hanno in parte influenzato anche il “tempo” del battito cardiaco, anch’esso mediato dal calcio – hanno rallentato il battito cardiaco. Tuttavia, i farmaci più recenti come la lercanidipina agiscono in modo molto preciso solo sui canali del calcio nelle pareti delle arterie e non influenzano il battito cardiaco.

Assorbimento, degradazione ed escrezione

La degradazione avviene ad opera degli enzimi nel fegato (principalmente CYP3A4). I prodotti di degradazione vengono escreti nelle urine e nelle feci. Circa otto-dieci ore dopo l'ingestione, metà della sostanza attiva assorbita è stata scomposta.

Quando si usa la lercanidipina?

Come si usa lercanidipina

La lercanidipina si assume sotto forma di compresse. A causa del suo effetto deposito, deve essere ingerito solo una volta al giorno. Dovrebbe essere assunto al mattino almeno 15 minuti prima di colazione.

Il motivo: i pasti, soprattutto quelli contenenti grassi, fanno sì che più ingredienti attivi entrino in circolo. Se il farmaco viene assunto dopo un pasto, ad esempio, potrebbero verificarsi fluttuazioni imprevedibili della pressione sanguigna.

Se si desidera un effetto più forte, il principio attivo viene combinato con altri agenti antipertensivi (ad esempio beta bloccanti, ACE inibitori o agenti disidratanti) – l’aumento della dose non migliorerebbe l’effetto con lercanidipina.

Il trattamento della pressione arteriosa elevata deve essere a lungo termine.

Quali sono gli effetti collaterali della lercanidipina?

Una persona su mille o diecimila trattate sperimenta effetti collaterali come sonnolenza, tachicardia cardiaca, nausea, indigestione, diarrea, vomito, eruzioni cutanee, dolori muscolari, aumento della minzione e affaticamento.

Cosa bisogna considerare quando si assume lercanidipina?

Controindicazioni

La lercanidipina non deve essere utilizzata in:

  • diminuzione della velocità di eiezione del cuore
  • @ donne in età fertile senza un metodo contraccettivo sicuro
  • insufficienza cardiaca (insufficienza cardiaca)
  • grave disfunzione epatica o renale
  • pazienti che hanno avuto un attacco cardiaco nelle ultime quattro settimane
  • uso concomitante di forti inibitori del CYP3A4 (compreso il succo di pompelmo, vedere sotto)
  • uso concomitante di ciclosporina (immunosoppressore)

Interazioni

Oltre agli inibitori del CYP3A4 sopra menzionati (inibitori del CYP3A4), esistono anche sostanze che hanno un effetto opposto sul sistema enzimatico del CYP3A4 – lo “inducono”. Cioè, provocano la produzione di una maggiore quantità di enzima. Ciò fa sì che la lercanidipina venga scomposta più rapidamente, compromettendone l'efficacia.

Se la lercanidipina viene utilizzata insieme alla digossina (un farmaco per l’insufficienza cardiaca), il livello plasmatico di digossina può aumentare, potenziandone così l’effetto.

Il consumo di alcol può aumentare l’effetto antipertensivo della lercanidipina.

Limitazione di età

Lercanidipina è approvata per l’uso nei bambini di età pari o superiore a 18 anni. La sicurezza e l’efficacia della terapia nei bambini e negli adolescenti sotto i 18 anni di età non sono state stabilite.

Gravidanza e allattamento

Poiché i dati sul suo utilizzo durante la gravidanza e l'allattamento sono ancora insufficienti, l'ercanidipina non deve essere assunta durante questo periodo.

Come ottenere medicinali contenenti lercanidipina

I preparati contenenti il ​​principio attivo lercanidipina sono disponibili su prescrizione in Germania, Austria e Svizzera in qualsiasi dosaggio e confezione.

Da quando è conosciuta la lercanidipina?

Oltre alle associazioni fisse con altri antipertensivi, esistono anche preparati contenenti solo il principio attivo lercanidipina. Da quando il brevetto è scaduto sono arrivate sul mercato diverse versioni generiche.