Immunoglobulina A (IgA): cosa significa il valore di laboratorio

Quali sono le funzioni dell'immunoglobulina A?

L'immunoglobulina A è principalmente responsabile della difesa contro gli agenti patogeni sulla superficie delle mucose. Dopo la sua formazione, viene quindi rilasciata principalmente nelle secrezioni (per questo chiamate anche “IgA secretorie”). Si tratta, ad esempio, delle secrezioni del tratto gastrointestinale, della vagina, del naso e dei bronchi, nonché del liquido lacrimale e del latte materno.

Valori normali per l'immunoglobulina A

Per il livello di IgA nel siero del sangue (IgA totali) valgono i seguenti valori normali a seconda dell'età:

  • Da 3 a 5 mesi: 10 – 34 mg/dl
  • Da 6 a 8 mesi: 8 – 60 mg/dl
  • Da 9 a 11 mesi: 11 – 80 mg/dl
  • Da 12 mesi a 1 anno: 14 – 90 mg/dl
  • 2-3 anni: 21 – 150 mg/dl
  • 4-5 anni: 30 – 190 mg/dl
  • 6-7 anni: 38 – 220 mg/dl
  • 8-9 anni: 46 – 250 mg/dl
  • 10-11 anni: 52 – 270 mg/dl
  • 12-13 anni: 58 – 290 mg/dl
  • 14-15 anni: 63 – 300 mg/dl
  • 16-17 anni: 67 – 310 mg/dl
  • 18 anni e più: 70 – 400 mg/dl

Per i livelli di IgA nella saliva, il range normale è compreso tra 8 e 12 mg/dl.

Quando è presente il deficit di IgA?

Il deficit selettivo di IgA è l’immunodeficienza congenita più comune. È causata da uno sviluppo difettoso di alcune cellule immunitarie. Il disturbo riguarda la trasformazione delle cellule B in plasmacellule, che sono effettivamente responsabili del rilascio di IgA.

Si riscontra anche una diminuzione dell'immunoglobulina A:

  • a seguito di gravi ustioni,
  • nella sindrome nefrosica (una forma di danno renale),
  • nell'enteropatia essudativa (perdita di proteine ​​attraverso la mucosa intestinale).

Quali sono i sintomi del deficit congenito di IgA?

Nella maggior parte dei casi, il deficit congenito di immunoglobulina A non causa sintomi. Tuttavia, in alcuni casi, si sviluppa una maggiore suscettibilità alle infezioni. Inoltre, le seguenti malattie si verificano più frequentemente nei pazienti con deficit congenito di IgA:

  • malattie autoimmuni (come l’artrite reumatoide o il lupus eritematoso)
  • congiuntivite allergica o infiammazione della mucosa nasale (congiuntivite, sinusite)
  • ipersensibilità a determinati alimenti
  • neurodermatite
  • asma bronchiale

Quando l'immunoglobulina A è elevata?

Un'immunoglobulina A elevata si trova, ad esempio, in:

  • malattie epatiche croniche (come cirrosi, fegato danneggiato dall'alcol)
  • @ infezioni croniche come l'HIV
  • malattie autoimmuni come la celiachia

Nella maggior parte dei casi, in queste malattie non aumenta solo il livello di IgA. Anche gli anticorpi come IgG o IgM possono essere elevati.

Al contrario, nella gammopatia monoclonale di tipo IgA, solo il livello di IgA è elevato. In questa malattia si verifica un aumento anomalo di un clone di IgA.