Hydroxycarbamide: effetti, usi e rischi

Idrossicarbammide è un farmaco citostatico. È usato nel trattamento dei maligni sangue malattie come leucemia. Viene anche utilizzato nelle infezioni da HIV come parte del trattamento antiretrovirale.

Cos'è l'idrossicarbamide?

Idrossicarbammide è una delle farmaci con attività citostatica. Viene utilizzato principalmente nella mieloide cronica leucemia (CML). È anche usato occasionalmente nel trattamento della cellula falciforme anemia (formazione di anomalie emoglobina) e nell'infezione da HIV per il trattamento antiretrovirale. Commercialmente, idrossicarbamide è disponibile sotto forma di capsule. È un idrossilato urea, che esiste come un idroscopico bianco e cristallino polvere ed è solubile in acqua. L'idrossicarbamide è anche nota come idrossiurea o idrossiurea.

Effetti farmacologici sul corpo e sugli organi

L'esatta modalità di azione dell'idrossicarbamide non è ancora completamente compresa. In quanto agente citostatico, il principio attivo stesso inibisce la crescita e la divisione cellulare, nonché la proliferazione. Interferisce con la sintesi del DNA. Si dice che l'idrossicarbamide interferisca con la sintesi dei singoli nucleotidi. Il principio attivo sembra bloccare l'enzima responsabile della conversione ribosio in desossiribosio. Inoltre, l'idrossicarbamide potrebbe contribuire all'interruzione dell'incorporazione dei nucleotidi della timina nella catena del DNA. L'effetto nel trattamento della cellula falciforme anemia inoltre non è ancora chiaro. Qui, probabilmente c'è un aumento del concentrazione of emoglobina come in un nascituro. Ciò impedisce la formazione di fibre dell'anormale emoglobina e quindi la curvatura del rosso sangue cellule. Non c'è aggregazione perché il file sangue rimane complessivamente più fluido.

Uso medico e uso per il trattamento e la prevenzione.

L'idrossicarbamide è utilizzata nel trattamento della mieloide cronica leucemia (CML in breve, caratterizzata da una grave proliferazione di globuli bianchi e granulociti), trombocitemia essenziale (grave proliferazione di piastrine nel sangue), policitemia vera (proliferazione di tutte e tre le serie di globuli nel sangue), cellule falciformi anemiae talassemia maggiore (produzione insufficiente di HbA1 normale). Raramente viene utilizzato anche negli antiretrovirali terapia per l'infezione da HIV. L'idrossicarbamide deve essere sempre assunta secondo le istruzioni del medico. Nel trattamento della LMC, l'iniziale dose per gli adulti è di 40 mg / kg di peso corporeo al giorno. Il dose viene quindi regolato individualmente in base alla conta dei globuli bianchi. Per il trattamento della policitemia vera, il quotidiano iniziale dose è compreso tra 15 e 20 mg / kg di peso corporeo. Anche in questo caso, viene effettuato un aggiustamento individuale, sempre in base alla conta delle cellule del sangue. La dose per la trombocitemia essenziale è di 15 mg / kg di peso corporeo al giorno ed è aggiustata individualmente in base alla conta delle cellule del sangue. L'effetto nei pazienti anziani può essere più forte, quindi il dosaggio è generalmente inferiore. L'uso dell'idrossicarbamide non è indicato nei casi di ipersensibilità al principio attivo, grave midollo osseo disturbi dell'ematopoiesi, carenza di piastrine e globuli bianchi e anemia. Nel caso del precedente terapia dello stesso tipo, fegato or rene disfunzione e trattamento concomitante con citostatico farmaci dal sottogruppo degli antimetaboliti, il medico deve valutare attentamente i benefici e i rischi dell'utilizzo dell'idrossicarbamide. Anche l'idrossicarbamide non deve essere utilizzata durante gravidanza e l'allattamento. Il trattamento dei bambini è possibile con il farmaco, ma è raro perché la maggior parte di queste condizioni non si verificano nei bambini.

Rischi ed effetti collaterali

L'idrossicarbamide può causare diversi effetti collaterali. Possono essere molto rari o comuni, ma non devono esserlo. Gli effetti collaterali comuni includono disturbi in midollo osseo formazione, carenza di globuli bianchi, formazione di megaloblasti e costipazione or diarrea. Di tanto in tanto, nausea ed vomito, malessere, brividi, anemia, mancanza di piastrine, arrossamento del pelle sulle gambe e sulle braccia, durante l'assunzione di idrossicarbamide possono verificarsi arrossamento del viso o eruzione cutanea con vesciche. urea livelli, fegato livelli di enzimi, sangue bilirubina livelli, sangue acido urico livelli e sangue creatinina anche i livelli non sono rari. In rari casi, mal di testa, perdita di capelli, vertigini, febbre, mancanza di respiro, confusione, delusioni, ritenzione urinaria, acqua si verificano ritenzione nei polmoni e alveolite allergica. Gli effetti collaterali molto rari includono alterazioni rene funzione. Se l'idrossicarbamide viene assunta in combinazione con agenti antivirali, fegato danno o infiammazione del pancreas può accadere. Se concomitante o preceduto da citostatico concomitante terapia o radioterapia, alcuni effetti collaterali (p. es., midollo osseo disfunzione, sintomi gastrointestinali, pelle vampate di calore) possono essere esacerbate.