Idronefrosi: cause, sintomi e trattamento

L'idronefrosi rappresenta un allargamento patologico del bacino renale e sistema caliceal renale. È anche noto come sacco acquoso rene e risultati da cronico ritenzione urinaria. A lungo termine, l'aumento della pressione nel sistema della cavità renale può portare alla distruzione di rene fazzoletto di carta.

Cos'è l'idronefrosi?

L'idronefrosi è il termine usato per descrivere una dilatazione (dilatazione) "simile a una sacca" del collettore urinario bacino o sistema della cavità renale. Il condizione è il risultato di un'ostruzione del flusso urinario con conseguente compromissione o distruzione di rene tessuto. Pertanto, è anche chiamato rene da stasi urinaria o acqua sacco di rene. Il problema qui è la mancanza di drenaggio delle urine, che si traduce in una progressiva espansione dei reni. A seconda della localizzazione, non c'è solo un'espansione simile a una sacca del sistema della cavità renale, ma anche degli ureteri. L'idronefrosi è quindi il risultato dell'urina ipertensione. Solo nel 10% circa dei casi sono colpiti entrambi i reni. Man mano che la malattia progredisce, si verifica una marcata riduzione funzione renale. Se l'idronefrosi diventa cronica, può verificarsi un danno permanente al parenchima renale, cioè una perdita di funzionalità del tessuto renale. Capacità di filtraggio ridotta e, nel peggiore dei casi, insufficienza renale possono essere le conseguenze a lungo termine. L'idronefrosi non si presenta necessariamente con i sintomi immediatamente; possibili segni iniziali possono includere fianco, schiena o dolore addominale, così come vertigini, vomito, o spasmi.

Cause

Ci sono una varietà di cause di ritenzione urinaria rene. La classificazione degli stessi si basa fondamentalmente sulla localizzazione della loro occorrenza; è anche fondamentale che si trovino all'esterno o all'interno del collettore urinario bacino. Le cause più comuni includono la costrizione meccanica, ad esempio dovuta a calcoli renali nel sistema urinario. Ciò causa il restringimento degli ureteri e la stasi delle urine. Questa ostruzione del deflusso porta, ad esempio, alla stenosi dello sbocco pelvico renale. Comprende anche il gruppo delle cause meccaniche dell'idronefrosi cancro alla vescica, calcoli vescicali o restringimento della vescica collo. Le cause localizzate al di fuori del sistema urinario possono includere tumori che restringono gli ureteri e quindi compromettono il deflusso urinario, come prostata or cancro uterino. Altri fattori scatenanti dell'idronefrosi possono essere malformazioni che fanno rifluire l'urina nei reni: in questo cosiddetto vescicoureterorenale riflusso, la uretere non si chiude (correttamente) dopo la minzione e riflusso si verifica. Più raramente, ritenzione urinaria anche il rene deriva da malattie neuromuscolari e conseguenti vescica disturbi di svuotamento. Questo può accadere in sclerosi multipla, tetraplegia o altre malattie neurogeniche (in particolare la paralisi). In rari casi, l'abuso di droghe può anche essere causalmente correlato all'idronefrosi.

Sintomi e segni tipici

  • Dolore al fianco
  • Dolore addominale
  • Mal di schiena
  • Crampi muscolari
  • Vertigini
  • vomito
  • Sudorazione

Diagnosi e corso

L'idronefrosi non deve provocare immediatamente sintomi concisi. L'idronefrosi acuta può causare sintomi simili alla colica renale: grave, colica dolore nel fianco, nell'addome e nella schiena, possibilmente associato a crampi. Sangue nelle urine è anche un possibile sintomo nel decorso acuto della malattia. Lo sviluppo cronico dell'idronefrosi è più graduale: qui i sintomi possono essere ugualmente accompagnati da dolore, ma può anche assomigliare insufficienza renale: vertigini, nausea, vomito, sensazione di debolezza, spasmi muscolari e sensazione di pressione localizzata, nonché disturbi nel tratto digestivo sono possibili. Le procedure di imaging comprendono l'ecografia dell'addome, delle vie urinarie e vescica. Ciò consente anche di valutare l'entità dell'idronefrosi. Per ulteriori chiarimenti sulla causa dell'idronefrosi, sono possibili la tomografia computerizzata dell'addome e l'uretroscopia, nonché angiografia e urografia escretoria. I test di laboratorio possono essere utilizzati non solo per misurare sangue nelle urine, ma anche il creatinina valore, che fornisce informazioni sulla capacità di filtraggio del rene, tra le altre cose.Se l'idronefrosi rimane a lungo non diagnosticata e la malattia progredisce, le conseguenze tardive sono alta pressione sanguigna (ipertensione) e insufficienza renale, così come danni permanenti ai reni.

Complicazioni

A lungo termine, l'idronefrosi può causare danni gravi e irreversibili ai tessuti intorno ai reni. In questo caso, la persona colpita soffre principalmente di vari dolori, ma si verificano nell'area dei reni e della schiena. Nella maggior parte dei casi, questo dolore si diffonde ad altre regioni del corpo. Possono verificarsi crampi muscolari e crisi epilettiche. Inoltre, i pazienti si lamentano vomito e vertigini. Non di rado, queste lamentele portare a un attacco di panico o sudorazione. A causa del dolore costante, molti pazienti sono irritabili e non possono più godersi la vita di tutti i giorni. Si ritirano dalla vita attiva e la resilienza del paziente diminuisce in modo significativo. Disturbi del tratto digestivo può anche verificarsi. Nel peggiore dei casi, la persona colpita soffre di insufficienza renale, rendendola dipendente da un rene donatore o dialisi. Senza trattamento, insufficienza renale fa morire il paziente. Il trattamento no portare a eventuali ulteriori complicazioni. Tuttavia, il suo successo dipende fortemente dalla gravità dell'idronefrosi e non porta in ogni caso a un decorso positivo della malattia. L'aspettativa di vita può anche essere ridotta dall'idronefrosi.

Quando dovresti vedere un dottore?

Se sintomi come dolore addominale o muscolo spasmi si notano, può essere presente idronefrosi. È indicata una visita dal medico se i segni della malattia aumentano o non si sono attenuati al più tardi dopo tre o quattro giorni. Se si verificano ulteriori sintomi, consultare un medico. In particolare, intenso mal di schiena così come nausea e il vomito sono chiari segnali di avvertimento che devono essere indagati. Se si tratta effettivamente di un rene da ritenzione urinaria, è necessario un trattamento immediato. Pazienti che se ne accorgono sangue nelle urine o hanno problemi a urinare dovrebbero parlare al proprio medico di base. Questo è particolarmente vero se un altro condizione è già presente. Le cause tipiche dell'idronefrosi sono calcoli renali, vescica pietre o cancro alla vescica. Malformazioni o malattie neuromuscolari possono anche causare idronefrosi. Se una di queste condizioni è presente, i sintomi insoliti devono essere visti da un medico lo stesso giorno. L'esame iniziale può essere eseguito dal medico di base. Successivamente, è necessario consultare un urologo o un nefrologo, a seconda della natura e della gravità dei sintomi. Con sintomi gravi, il paziente dovrebbe andare in ospedale.

Trattamento e terapia

L' terapia dell'idronefrosi dipende necessariamente dalla causa particolare. L'obiettivo più importante, ovviamente, è ripristinare in modo permanente il flusso di urina dal rene alla vescica e, nei casi acuti, trattare efficacemente il dolore del paziente. Se la causa dell'ostruzione urinaria è meccanica, la prima priorità è rimuovere l'ostruzione al flusso. Questo può essere fatto mediante rimozione endoscopica o chirurgica. In ogni caso, è importante prevenire le infezioni del sistema urinario. In caso di calcoli renali come causa del acqua sacco di rene, non solo lo è terapia del dolore eseguita, ma analisi sono anche usati per rimuovere i calcoli renali dal sistema urinario. Se non possono essere eliminati naturalmente, shock le onde vengono utilizzate per rompere i calcoli renali nel sistema urinario. In alternativa, se ciò non è possibile, sono disponibili vari metodi di pelvoplastica renale. A seconda dell'andamento dell'idronefrosi, può essere eseguita la deviazione chirurgica (ricanalizzazione) delle vie urinarie. Qui, il medico curante ha diverse opzioni: A stent (protesi vascolare) può essere impiantato e quindi, simile a un bypass, un "nuovo" uretere può essere creato. Oppure può decidere di trasferire chirurgicamente il file uretere per via intraperitoneale, cioè all'interno della cavità addominale. Se queste opzioni non sono realizzabili, la creazione di un file vescica artificiale anche lo sbocco (urostomia) può essere un'alternativa terapeutica. Tutti questi analisi hanno lo scopo di ripristinare e garantire in modo permanente il deflusso essenziale delle urine e l'escrezione delle sostanze urinarie in misura sufficiente. Se il suddetto terapeutico analisi non sono più possibili e il decorso della malattia o il danno al rene è progredito troppo, può anche essere necessaria la rimozione del rene.

Outlook e prognosi

La prognosi dell'idronefrosi dipende dalla sua causa e dal trattamento tempestivo. Se il trattamento ha successo entro pochi giorni o settimane, il tessuto renale può riprendersi completamente. Non rimane alcun danno ai reni. Tuttavia, senza trattamento, insufficienza renale può svilupparsi, che non può più essere completamente curato. In casi molto gravi, c'è persino una minaccia di perdita totale di funzione renale. L'idronefrosi non è così rara, tuttavia. Neonati e bambini spesso lo sviluppano a causa di disturbi congeniti. Nelle donne in gravidanza si verifica spesso quando il utero esercita una pressione sul uretra, e negli uomini il cosiddetto acqua il rene del sacco si sviluppa a causa di malattie del prostata. Pertanto, oltre alle donne in gravidanza, di solito sono colpiti gli uomini più anziani. Per le donne, a differenza degli uomini, la prognosi dell'idronefrosi è generalmente molto buona. In quasi tutte le donne, il rene torna alla normalità dopo gravidanza senza alcun trattamento. Molto spesso, la malattia non viene nemmeno notata all'inizio perché i reni si dilatano solo lentamente. Raramente, tuttavia, alta pressione sanguigna si sviluppa nel corso dell'idronefrosi. In alcuni casi è possibile anche la perdita della produzione di urina e, come già accennato, danni ai reni. Il trattamento dell'idronefrosi dipende dalla causa particolare. Se l'ostruzione al deflusso urinario viene eliminata rapidamente, di solito non è necessario preoccuparsi dei danni consequenziali.

Frodi

Poiché l'idronefrosi può essere considerata una vasta gamma di cause, la prevenzione immediata è molto difficile. In ogni caso, il generale Salute dei reni e della vescica possono essere influenzati nella misura in cui si presta attenzione ad un adeguato apporto di acqua - e questo da infanzia alla vecchiaia. Il consumo di alcol in piccola misura è da considerarsi a questo riguardo altrettanto vantaggioso. Uno stile di vita sano e un sufficiente consumo di acqua sono sicuramente le migliori misure preventive nei confronti di questa malattia.

Dopo cura

Nella maggior parte dei casi di idronefrosi, le misure o le opzioni per la cura successiva sono molto limitate o inesistenti. In questo caso, la persona colpita dipende principalmente dalla diagnosi precoce e dal trattamento della malattia in modo da prevenire ulteriori complicazioni. Ciò impedisce anche un ulteriore peggioramento dei sintomi. Nel peggiore dei casi, tuttavia, l'idronefrosi porta alla completa distruzione dei reni, che può anche provocare la morte della persona colpita. Il trattamento stesso dipende sempre dalla causa esatta di questa malattia, quindi non è possibile fare previsioni generali. In alcuni casi, è possibile assumere farmaci per alleviare i sintomi. È importante assicurarsi che il farmaco venga assunto regolarmente e nel dosaggio corretto. In caso di dubbi o domande, consultare prima un medico. Un medico dovrebbe anche essere sempre consultato prima se ci sono domande sugli effetti collaterali o interazioni con altri farmaci. In alcuni casi, l'idronefrosi richiede anche un trattamento psicologico. Anche il contatto con altri malati della malattia può essere utile a questo proposito, in quanto può portare a uno scambio di informazioni.

Questo è quello che puoi fare da solo

L'idronefrosi richiede un esame o una cura medica immediata. Se la congestione renale causativa non è avanzata, possono essere utilizzati rimedi alternativi per alleviare il disagio e alleviare la congestione. Un rimedio domestico efficace è la mela aceto di mele. Mescolato con acacia miele e acqua minerale, scioglie i calcoli renali e può prevenire l'idronefrosi. Omeopatia offre il rimedio "Berberis vulgaris“, Che viene utilizzato per vari disturbi degli organi escretori. Matricaria Chamomilla o reale camomilla aiuta anche con dolore ai reni. I calcoli urinari possono essere trattati con Licopodio. Inoltre, Schüssler sali sono utili, soprattutto Natrium Phosphoricum così come Litio cloro. L'utilizzo di rimedi omeopatici dovrebbe prima essere discusso con un medico. Se l'idronefrosi si è già formata, è necessario un trattamento medico. Il paziente può supportare terapia del dolore o trattamento mediante shock ondeggia prendendolo con calma e non mettendo a dura prova il rene. Il professionista medico incaricato risponderà esattamente quali misure dovrebbero essere prese. In generale, le raccomandazioni includono un sano ed equilibrato la dieta, adeguata idratazione e attività fisica leggera.