Quanto dura una gravidanza?

Gravidanza: calcolo dopo le mestruazioni

La maggior parte delle donne non conosce la data esatta del concepimento, ma il primo giorno dell'ultimo periodo mestruale. Su questa base, la durata della gravidanza può essere calcolata utilizzando la cosiddetta regola di Naegele: per un ciclo regolare di 28 giorni, dal primo giorno dell'ultima mestruazione vengono aggiunti sette giorni e un anno e poi vengono sottratti tre mesi. Il risultato è considerata la possibile data di consegna. Esempio:

Secondo la regola di Naegele, una gravidanza dura quindi 280 giorni (40 settimane) in termini puramente matematici.

Ma quanto dura una gravidanza se il ciclo è irregolare? In tal caso, i giorni medi che deviano dal ciclo di 28 giorni vengono aggiunti o sottratti da questo calcolo. Questa cosiddetta regola di Naegele estesa viene spesso utilizzata per calcolare la durata della gravidanza.

Gravidanza: calcolo in base al momento del concepimento

Se non si conosce né il concepimento né l'ultimo periodo mestruale

Calcolo basato sugli ultrasuoni

Una determinazione abbastanza accurata dell'età del bambino è oggi possibile con l'aiuto di un esame ecografico. Questo perché nelle prime settimane la dimensione dell'embrione è strettamente correlata all'età gestazionale. Il diametro del sacco amniotico può essere misurato a partire dalla settima settimana e i primi suoni cardiaci dell'embrione possono essere uditi già sei settimane dopo le mestruazioni.

Come viene indicata la durata?

Quando nascerà effettivamente il bambino?

La percentuale di bambini che nascono effettivamente alla data di scadenza calcolata dopo 267 o 280 giorni è solo del 66%. Il XNUMX% dei bambini nasce quattro giorni prima o dopo e il XNUMX% entro tre settimane (con una tolleranza di dieci giorni) prima o dopo la data calcolata. Dovresti tenerlo presente quando guardi la durata calcolata della gravidanza nel registro della maternità.