Gabapentin: effetti, somministrazione, effetti collaterali

Come funziona il gabapentin

Il gabapentin è un farmaco con proprietà anticonvulsivanti (antiepilettiche), analgesiche (analgesiche) e sedative. Appartiene al gruppo dei farmaci antiepilettici.

Il sistema nervoso umano viene attivato o inibito da alcuni neurotrasmettitori. Normalmente, questi neurotrasmettitori vengono rilasciati in base alle circostanze esterne e garantiscono una risposta adeguata del corpo a varie situazioni come lesioni, stress o riposo.

Anche l'irritazione a lungo termine delle vie nervose della schiena e degli arti (neuropatia periferica) dovuta a diabete grave o malattie virali del sistema nervoso (ad es. virus dell'herpes) porta alla sovraeccitabilità delle terminazioni nervose. Di conseguenza, inviano costantemente segnali di irritazione al cervello e il paziente avverte un dolore costante. Questo cosiddetto dolore nervoso (nevralgia) non può essere trattato con i normali antidolorifici.

Da un lato, il farmaco impedisce il rilascio di sostanze messaggere attivanti. D’altro canto favorisce indirettamente la degradazione delle sostanze messaggere attivanti e quindi ne riduce ulteriormente la concentrazione nel sistema nervoso. Meno sostanze messaggere si legano quindi ai loro recettori – tensioni e stati dolorosi vengono alleviati.

Tuttavia, l’effetto completo del farmaco si manifesta solo dopo un certo periodo di assunzione (circa una o due settimane).

Assorbimento, degradazione ed escrezione

Il principio attivo viene escreto immodificato attraverso i reni. Pertanto, la dose deve essere ridotta nelle persone con insufficienza renale.

Quando viene utilizzato il gabapentin?

Le indicazioni per l'uso (indicazioni) del gabapentin sono:

  • Dolore neuropatico periferico, ad esempio a causa del diabete (polineuropatia diabetica) o dell'infezione da herpes (nevralgia posterpetica)

Come viene utilizzato il gabapentin

Il gabapentin viene solitamente utilizzato sotto forma di compresse o capsule. Il farmaco può essere assunto con o senza cibo, ma sempre con sufficiente liquido (preferibilmente un bicchiere d'acqua).

All'inizio della terapia, il gabapentin viene dosato gradualmente. Ciò significa che il dosaggio inizia con un basso livello e aumenta gradualmente fino al raggiungimento di una dose giornaliera sufficiente. Questa cosiddetta “titolazione” può richiedere diverse settimane, a seconda della tolleranza individuale. La titolazione è importante perché il medico deve trovare una dose specificatamente adattata al paziente e che fornisca un'efficacia sufficiente e il minor numero possibile di effetti collaterali.

In caso di dolore neuropatico si può tentare un tentativo di sospensione dopo un certo periodo di trattamento. Tuttavia, non bruscamente, ma riducendo gradualmente la dose nell’arco di almeno una settimana (“tapering”).

Quali sono gli effetti collaterali del gabapentin?

Sono possibili anche disturbi respiratori, nausea e vomito, dolori muscolari, impotenza ed eruzioni cutanee. Meno dell'XNUMX% dei soggetti trattati presenta ritenzione idrica nei tessuti corporei (edema).

Cosa bisogna considerare quando si assume gabapentin?

interazioni farmacologiche

Se si assume contemporaneamente morfina (forte analgesico), la concentrazione di gabapentin nel sangue può aumentare. Pertanto, potrebbe essere necessario ridurre la dose di gabapentin per tutta la durata della terapia con morfina.

Limitazione di età

Il gabapentin è approvato in combinazione con altri farmaci (terapia aggiuntiva) per le crisi focali con e senza generalizzazione secondaria a partire dall'età di sei anni. L'approvazione per la monoterapia è riservata ai pazienti di età pari o superiore a dodici anni.

Gravidanza e allattamento

L'esperienza con più di 500 gravidanze con gabapentin nel 1° trimestre non indica un aumento del rischio di malformazioni. Tuttavia, poiché tale rischio non può essere completamente escluso, prima di utilizzare il farmaco è sempre opportuna una rigorosa valutazione del rapporto rischio-beneficio.

Ad oggi non sono stati segnalati effetti collaterali nei neonati allattati al seno quando la madre assumeva gabapentin. Pertanto, l'uso del farmaco durante l'allattamento al seno è accettabile, sebbene il bambino debba essere attentamente monitorato.

Come ottenere farmaci con gabapentin

Cos'altro dovresti sapere sul gabapentin

A causa della minore efficacia, il gabapentin non è un farmaco antiepilettico di prima scelta, ma è considerato un cosiddetto farmaco di riserva. Tuttavia può essere utile associare altri farmaci antiepilettici al gabapentin.