Gamma-glutamil transferasi elevata (Gamma-GT): cause e significato

Gamma-GT leggermente elevata

Nell'epatite virale non complicata, nel fegato grasso e nel consumo cronico di alcol, il livello di GGT è elevato, ma solo leggermente. Ciò significa che il valore misurato non supera i 120 U/l. Anche un fegato congestionato, come accade nel contesto di debolezza del cuore destro (insufficienza cardiaca destra), di solito non porta a grandi valori anomali in questo valore enzimatico. Lo stesso vale per l’infezione da virus Eppstein-Barr, che causa la mononucleosi (nota anche come febbre ghiandolare di Pfeiffer).

Nonostante l’aumento relativamente piccolo della gamma-GT, le malattie di base richiedono un trattamento urgente e dovrebbero essere monitorate man mano che progrediscono.

Gamma-GT moderatamente elevata

Se l'alcolismo cronico ha portato a danni al fegato come cirrosi o epatite tossica da alcol, si riscontra un valore gamma-GT elevato fino a circa 300 U/l. Valori ematici simili si riscontrano nel contesto delle seguenti malattie:

  • Epatite attiva cronica
  • Carcinoma epatocellulare (la forma più comune di cancro al fegato)
  • Metastasi epatiche
  • pancreatite acuta o cronica (infiammazione del pancreas)

Oltre alla malattia, anche l’assunzione di alcuni farmaci per un lungo periodo di tempo può causare un aumento della gamma-GT. Questi includono, ad esempio, gli anticonvulsivanti utilizzati nel trattamento dell'epilessia (fenobarbital, fenitoina, primidone e altri).

Gamma-GT fortemente elevata

Valori di GGT superiori a 300 U/l negli adulti vengono definiti un aumento grave. Tali valori si riscontrano soprattutto nei danni epatici dovuti ad avvelenamento. Le tossine responsabili sono, ad esempio, sostanze chimiche come il tetraclorometano, il benzene o i composti nitro, ma anche le tossine fungine come l'α-amanitina del fungo fogliare tuberoso. Il danno epatico nel contesto della malattia delle vie biliari porta anche ad un marcato aumento della gamma-GT, ad esempio in:

  • stasi biliare (colestasi)
  • grave infiammazione della cistifellea (colecistite) o grave infiammazione del dotto biliare (colangite)

Le misure terapeutiche dipendono dal grado di aumento della gamma-GT e dalla causa sottostante.