Arteria carotide comune: struttura, funzione e malattie

Il comune arteria carotidea è l'arteria carotide. Serve per rifornire sangue Vai all’email capo area ed è anche un centro di misurazione di pressione sanguigna. Calcificazione del arteria carotidea aumenta il rischio di ictus.

Qual è l'arteria carotide comune?

Il comune arteria carotidea è l'arteria che fornisce sangue Vai all’email collo ed capo. Questa struttura anatomica è anche conosciuta come la carotide arteria. La carotide arteria si divide in corrispondenza della biforcazione carotidea nell'arteria carotide interna e nell'arteria carotide esterna. Quest'ultima è anche conosciuta come la carotide esterna arteria e fornisce la tomaia collo organi, come il laringe. L'arteria carotide interna è anche conosciuta come arteria carotide interna e fornisce principalmente il cervello. Messo in un sonno profondo, è la traduzione di carotis. La pressione sull'aorta mostra lo svenimento comatoso come sintomo principale, perché il cervello non può più essere fornito con sangue. Sul lato destro, l'arteria carotide deriva dal cosiddetto truncus brachiocephalicus. Sul lato sinistro, nasce dall'arco aortico.

Anatomia e struttura

L'arteria carotide è una delle potenti vasi nel corpo umano. Il muscolo sternocleidomastoideo è il suo limite superiore. Il bordo laterale è formato dalla trachea. L'arteria carotide, insieme a nervi e altro vasi, si apre nella vagina carotica. Questa è una guaina di tessuto connettivo situato nella collo regione. Le strutture della vagina carotica sono anche riassunte come un cordone nervoso vascolare. L'arteria carotide comune va dall'ingresso toracico al capo. Il solco giugulare, un solco muscolare nel collo, funge da corso. Il seno carotideo è anche noto come l'uscita dell'arteria carotide interna, che di solito è più prominente dell'arteria carotide esterna. Sopra l'arteria carotide c'è un vena che porta il sangue lontano dal viso e dalla testa.

Funzione e compiti

La funzione dell'arteria carotide comune è fornire sangue alle parti interne ed esterne della testa. I rami più piccoli si diramano dall'arteria carotide interna, fornendo sangue sia alla fronte che al naso. Tuttavia, la principale area di alimentazione dell'arteria carotide interna rimane la parte anteriore del cervello e l'occhio. La carotide esterna, invece, fornisce sangue arterioso ai tessuti molli del collo. L'osso cranio è fornito anche da questa sezione dell'arteria carotide. Trasporti di sangue ossigeno. È un mezzo che serve la respirazione. Pertanto, la fornitura di ossigeno alle strutture della testa e del collo è anche una delle funzioni dell'arteria. Se questa fornitura non fosse assicurata, si verificherebbe un infarto cerebrale. L'arteria carotide comune è anche un centro di misurazione. I pressocettori si trovano sul seno carotideo, che controllano pressione sanguigna e trasmettere le informazioni di misurazione al cervello. Il cervello risponde al pressione sanguigna dati regolando il fluido equilibrio. Ad esempio, un aumento della pressione sanguigna innesca un aumento dell'escrezione di urina. Non appena i pressocettori segnalano l'aumento della pressione nelle arterie, i momenti eccitatori del simpatico sistema nervoso diminuire. Il cuore la velocità diminuisce e gli effetti frenanti del parasimpatico sistema nervoso prende effetto. In caso contrario, si comporta il contrario. Oltre alla pressione sanguigna, i recettori alla giunzione dell'arteria carotide misurano anche in modo permanente la composizione del sangue. Questa misurazione avviene tramite chemocettori e consente all'arteria carotide di monitorare il contenuto di ossigeno, carbonio biossido e ph. Questi dati di misurazione vengono inoltre trasmessi continuamente al cervello. A seconda dei dati di misurazione trasmessi, il cervello aumenta o diminuisce la frequenza respiratoria. Pertanto, l'arteria carotide è principalmente un centro di regolazione circolatoria.

Malattie

La vasocostrizione arteriosclerotica è una delle malattie più comuni dell'arteria carotide. Di solito questa malattia è dovuta a nicotina consumo, alto colesterolo or ipertensione. La biforcazione nelle arterie carotidi interne ed esterne è particolarmente spesso interessata da questo fenomeno. Tali depositi nell'arteria carotide possono manifestarsi precocemente in sintomi neurologici come l'emiplegia. Tale emiplegia o intorpidimento dovuto alla stenosi carotidea è generalmente inteso come un presagio di un imminente ictus, perché una stenosi dell'arteria carotide aumenta immensamente il rischio di ictus. In questi casi è essenziale la correzione chirurgica della stenosi, che può avvenire mentre il paziente è cosciente anestesia locale o può essere eseguito sotto anestesia generale. Di solito, viene utilizzata un'incisione minima sull'arteria carotide per entrare nel flusso sanguigno. I depositi vengono rimossi in questo modo. Se c'è un restringimento, allora questo restringimento può essere contrastato con a stiramento parte in plastica. Oltre ai fenomeni sopra citati, anche l'arteria carotide può essere interessata da una dissezione carotidea. In questo caso, si verifica sanguinamento nella parete del vaso dell'arteria carotide. UN Grumo di sangue può formarsi in questo modo, che alla fine promuove nuovamente a ictus. Un altro pericolo è quando i pressocettori dell'arteria carotide sono danneggiati o i tumori premono sull'arteria carotide. Ciò provoca una pressione sul carotissinus, che si trova a livello della biforcazione nelle arterie carotidi interne ed esterne. È così che si verifica la cosiddetta sindrome del seno carotideo. Il polso e la pressione sanguigna non sono più misurabili in questo fenomeno. Viene attivato un arresto circolatorio acuto. Nel collasso circolatorio acuto, si verifica la perdita di coscienza. Le pupille si dilatano bruscamente e il pelle diventa bluastro o viola.