Test dell'orologio: come funziona il test della demenza

Test della demenza mediante test dell'orologio

La demenza (come il morbo di Alzheimer o la demenza vascolare) può essere diagnosticata utilizzando varie procedure di test. Uno di questi è il test del disegno dell'orologio. È facile da eseguire e richiede solo pochi minuti. È consigliato alla fascia di età compresa tra i 65 e gli 85 anni.

Tuttavia, il test dell’orologio non è adatto come unico strumento diagnostico per la demenza. Viene quindi sempre combinato con un altro test per la diagnosi precoce della demenza (MMST o DemTect).

Test dell'orologio: come funziona

Esistono diverse varianti del test dell'orologio. In Germania viene solitamente utilizzato il modello di Shulman (1993): qui al soggetto del test viene chiesto di scrivere i numeri da “1” a “12” in un determinato cerchio, così come sono disposti sul quadrante di un orologio. Inoltre, le lancette dei minuti e delle ore devono essere ritirate in modo da indicare un'ora specifica (di solito le 11:10).

A volte la variante del test dell'orologio secondo Sunderland et al. (1989) viene utilizzato anche. In questo caso la persona sottoposta al test deve disegnare anche il quadrante dell'orologio stesso (cioè il cerchio).

Guarda il test: valutazione

Quando si valuta il test dell'orologio, non è importante solo che tutte le cifre e le due lancette siano nella posizione corretta. L'esaminatore presta attenzione, ad esempio, anche se le distanze tra i numeri sono approssimativamente uguali e se i numeri sono chiaramente leggibili.

Più la demenza è avanzata, più difficile è per la persona colpita il test dell'orologio: l'orologio disegnato diventa sempre più irriconoscibile, i numeri e le lancette sono disegnati in modo errato o addirittura mancano. Nella demenza grave, molti pazienti non tentano nemmeno più di disegnare un orologio. Alcuni invece scrivono parole o il loro nome sul foglio.

Il punteggio del test dell'orologio di Shulman (1993) è valutato su una scala da "1" (perfetto) a "6" (nessuna rappresentazione di un orologio).

La valutazione del test dell'orologio nella variante secondo Sunderland et al. (1989) si basa su una scala da “10” (rappresentazione corretta) a “1” (non più riconoscibile come orologio).

Fenomeno della lancetta dei minuti

A volte il quadrante con i suoi numeri e la lancetta delle ore vengono visualizzati correttamente, ma la lancetta dei minuti è posizionata in modo errato. Questo cosiddetto fenomeno della lancetta dei minuti nel test dell'orologio può indicare l'insorgenza di demenza.