Rusco per insufficienza venosa

Quali sono gli effetti del pungitopo?

Il rizoma del pungitopo contiene saponine steroidee (ruscogenine come ruscoside e ruscina), fitosteroli e triterpeni, oltre a una piccola quantità di olio essenziale. Insieme, questi ingredienti aumentano il tono vascolare e sigillano le delicate pareti dei vasi più piccoli (capillari).

Inoltre il pungitopo ha effetti antinfiammatori e diuretici e protegge dalla ritenzione idrica (edema-protettivo). La pianta medicinale è quindi riconosciuta come medicinale erboristico tradizionale per il trattamento coadiuvante di:

  • Insufficienza venosa cronica (IVC) con dolore e pesantezza alle gambe, crampi notturni ai polpacci, prurito e gonfiore dovuti alla ritenzione idrica nei tessuti.
  • Disturbi legati alle emorroidi come prurito e bruciore all'ano

La medicina popolare utilizza il pungitopo anche come diuretico e diaforetico, ad esempio contro i dolori renali e i calcoli alla vescica. Tuttavia l’efficacia della pianta in questi casi non è stata scientificamente provata.

Come si usa il pungitopo?

Per la produzione di preparati finiti come capsule o compresse viene utilizzato l'estratto secco ottenuto dalla radice. Puoi scoprire come utilizzare correttamente i preparati dal rispettivo foglietto illustrativo o dal tuo medico o farmacista.

I rimedi casalinghi a base di piante medicinali hanno i loro limiti. Se i sintomi persistono a lungo, non migliorano o addirittura peggiorano nonostante il trattamento, dovresti sempre consultare un medico.

Quali effetti collaterali può causare il pungitopo?

Occasionalmente si verificano mal di stomaco, nausea o diarrea dopo l’assunzione di preparati a base di pungitopo.

A cosa dovresti prestare attenzione quando usi il pungitopo

  • È necessario utilizzare i preparati di pungitopo per diversi mesi affinché il trattamento abbia successo. Per evitare problemi alle vene nei caldi mesi estivi, dovresti iniziare a prenderlo in primavera.
  • Se il trattamento provoca diarrea, interrompere la preparazione.
  • Non utilizzare il pungitopo durante la gravidanza e l’allattamento.
  • Parlate con il vostro medico se state assumendo farmaci per i reni o per la pressione sanguigna. Potrebbero esserci alcune interazioni.

Come ottenere prodotti a base di pungitopo

Puoi acquistare i preparati a base di pungitopo come compresse, capsule e gocce nella tua farmacia e parafarmacia. Prima dell'uso leggere il rispettivo foglietto illustrativo oppure chiedere al medico o al farmacista.

Cos’è il pungitopo?

Il pungitopo (Ruscus aculeatus) appartiene alla famiglia degli asparagi (Asparagaceae). L'arbusto sempreverde cresce in luoghi aridi della regione mediterranea e dal Nord Africa al Vicino Oriente.

Dall'apparenza, le foglie sembrano crescere sugli steli riccamente ramificati. Tuttavia, queste escrescenze da triangolari a lanceolate, coriacee e lunghe fino a 2.5 centimetri sono germogli laterali allargati simili a foglie degli steli (fillocladi). Tuttavia assumono il compito delle foglie producendo le sostanze vitali attraverso la fotosintesi.

Le foglie vere e proprie del pungitopo sono squame poco appariscenti e cadono presto. Circa a metà delle false foglie sbocciano piccoli fiori bianchi che maturano in bacche rosse in autunno. Il pungitopo ha poi un aspetto molto decorativo e viene spesso utilizzato per composizioni floreali.