Agomelatina: Effetti, effetti collaterali

Come funziona l'agomelatina

L'agomelatina aiuta contro la depressione e l'ansia. Rende anche più facile addormentarsi.

L'agomelatina inibisce i recettori della serotonina, la sostanza messaggera dell'organismo, i cosiddetti recettori 5HT2. Di conseguenza, il corpo rilascia più neurotrasmettitori dopamina e norepinefrina nel cervello. In questo modo il principio attivo può migliorare un metabolismo disturbato della dopamina e della norepinefrina nel cervello, che può essere in parte responsabile dei disturbi depressivi.

L'agomelatina ha una struttura simile all'ormone endogeno melatonina e può quindi agganciarsi ai suoi siti di legame (recettori MT1 e MT2). Rispetto alla melatonina, però, l’agomelatina è più stabile. Pertanto, agisce più a lungo nei siti di legame rispetto all'ormone stesso:

È importante che i pazienti assumano il farmaco regolarmente per un periodo di tempo sufficientemente lungo da non presentare sintomi.

Quali sono gli effetti collaterali dell'agomelatina?

Di solito sono necessari diversi giorni o settimane perché si manifesti l'effetto di miglioramento dell'umore (antidepressivo) dell'agomelatina. Durante questo periodo, il rischio di pensieri suicidi può aumentare. All'inizio della terapia i medici prestano quindi particolare attenzione al peggioramento della depressione del paziente.

Questi effetti collaterali si verificano soprattutto all'inizio della terapia con agomelatina. Inoltre, i pazienti reagiscono in modo diverso al principio attivo. Evitare di utilizzare macchinari o di guidare fino a quando non si verificano più sintomi invalidanti (come vertigini).

Il principio attivo può danneggiare il fegato. In rari casi, l’organo si infiamma (epatite). Prima che i pazienti ricevano agomelatina, i medici controllano quindi i loro valori epatici. Fanno lo stesso a intervalli regolari durante il trattamento e prima di ogni aumento della dose. Valori epatici alterati possono indicare disturbi della funzionalità epatica.

L’alcol mette a dura prova anche il fegato. I pazienti devono pertanto evitare l'alcol durante il trattamento con agomelatina.

A volte i pazienti sudano di più durante l’assunzione di agomelatina (iperidrosi). Inoltre, la pelle può prudere o sviluppare un'eruzione cutanea.

Per ulteriori informazioni sui possibili effetti collaterali indesiderati, consultare il foglietto illustrativo del farmaco agomelatina. Rivolgiti al tuo medico o al farmacista se noti o sospetti altri effetti collaterali.

I medici prescrivono agomelatina a pazienti adulti con depressione grave che dura da almeno due settimane. I medici la chiamano anche depressione maggiore.

In Svizzera, ai pazienti per i quali l'agomelatina ha avuto un effetto sufficiente contro la depressione, viene somministrato il principio attivo anche come terapia di mantenimento. Ciò significa che i pazienti assumono agomelatina per altri sei-dodici mesi per prevenire una ricaduta nella depressione.

I medici off-label usano l’agomelatina per trattare i disturbi del sonno negli adulti.

Come si usa l'agomelatina

I pazienti di solito assumono 25 mg di agomelatina al giorno. Le compresse vengono ingoiate la sera, poco prima di coricarsi, con un po' di liquido, ad esempio mezzo bicchiere d'acqua. Se i sintomi non migliorano dopo due settimane, il medico aumenta la dose giornaliera a 50 milligrammi di agomelatina.

In genere, i pazienti assumono agomelatina per almeno sei mesi. Se il medico consiglia di interrompere la terapia, il farmaco può essere sospeso. Non è necessario ridurre lentamente il dosaggio di agomelatina.

Quando non si deve usare l’agomelatina?

I pazienti affetti da demenza e i pazienti ipersensibili al principio attivo o a qualsiasi altro componente del farmaco non devono assumere farmaci agomelatina.

L'antibiotico ciprofloxacina e l'antidepressivo fluvoxamina inibiscono l'enzima che scompone l'agomelatina. I pazienti potrebbero quindi non utilizzare agomelatina. Maggiori informazioni a riguardo di seguito nella sezione Interazioni!

In alcuni casi i medici prescrivono il principio attivo solo in casi eccezionali, come ad esempio:

  • Diabete mellito (diabete)
  • Obesità
  • Fegato grasso analcolico
  • Abuso di alcol o consumo frequente di alcol
  • Disturbi bipolari

Queste interazioni farmacologiche possono verificarsi con agomelatina

L'antidepressivo fluvoxamina e l'antibiotico ciprofloxacina sono esempi di forti inibitori del CYP. Anche gli estrogeni, come quelli contenuti nei contraccettivi orali (pillola contraccettiva), possono inibire la degradazione dell'agomelatina.

Il fumo di sigaretta può anche attivare gli enzimi CYP e quindi ridurre l’efficacia dell’agomelatina. In particolare, i forti fumatori (più di 15 sigarette al giorno) aumentano il rischio di una degradazione accelerata dell'agomelatina.

Agomelatina nei bambini e negli adolescenti

Agomelatina non deve essere usata per trattare bambini e adolescenti. Ci sono troppo pochi dati sull’uso sicuro in questo gruppo di pazienti.

Agomelatina durante la gravidanza e l'allattamento

I medici di solito prescrivono antidepressivi meglio studiati, come la sertralina, alle donne incinte e che allattano.

Come ottenere medicinali contenenti agomelatina

I medicinali contenenti agomelatina necessitano di prescrizione medica in Germania, Austria e Svizzera e sono quindi disponibili solo presso le farmacie con prescrizione medica.

Altre note importanti sull'agomelatina

Le esperienze di assunzione di un sovradosaggio di agomelatina sono rare. Le persone affette spesso soffrono di dolore alla parte superiore dell'addome, vertigini, affaticamento o confusione.

Non è disponibile un antidoto all’agomelatina. Pertanto i medici trattano un sovradosaggio in modo puramente sintomatico. Ciò significa che trattano i sintomi individuali del paziente secondo necessità, ad esempio con farmaci che stabilizzano la circolazione.