1. Polmone: funzione, anatomia, malattie

Cos'è il polmone?

Il polmone è l'organo del corpo in cui l'ossigeno viene assorbito nel sangue dall'aria che respiriamo e l'anidride carbonica viene rilasciata dal sangue nell'aria. È formato da due ali di dimensioni disuguali, di cui la sinistra è leggermente più piccola per lasciare spazio al cuore.

I due polmoni sono collegati dai due bronchi principali alla trachea, attraverso la quale l'aria respirata entra nei polmoni dopo essere passata attraverso la bocca, il naso e la gola.

I polmoni sono ricoperti da uno strato di tessuto sottile, liscio e umido chiamato pleura. Anche l'interno della gabbia toracica è rivestito da uno strato così sottile, chiamato pleura. Insieme, la pleura e la pleura sono chiamate pleura. Tra di loro – nel cosiddetto spazio pleurico – si trova un sottile film di liquido. Assicura che i polmoni e la gabbia toracica si muovano l’uno contro l’altro durante la respirazione, ma non possano separarsi completamente l’uno dall’altro (come due lastre di vetro bagnate poste l’una contro l’altra – anch’esse “si attaccano” l’una all’altra).

Qual è la funzione dei polmoni?

L'aria inspirata entra nei due bronchi principali attraverso la trachea, ciascuno dei quali conduce a uno dei due polmoni. Lì si ramificano ulteriormente nei bronchi e nei bronchioli. Nei bronchi l'aria non solo viene distribuita ulteriormente, ma vengono intercettati anche corpi estranei e agenti patogeni che si attaccano al muco duro prodotto dalla mucosa dei bronchi.

All'estremità dei numerosi bronchioli si trovano circa 300 milioni di minuscole vescicole (alveoli) piene d'aria, nelle cui pareti delicate scorrono innumerevoli sottili vasi sanguigni (capillari). Negli alveoli avviene il vero e proprio scambio di gas: l'ossigeno dell'aria che respiriamo passa nel sangue, mentre l'anidride carbonica del sangue ritorna nell'aria negli alveoli e viene poi espirata con esso.

Inspirazione ed espirazione

Per l'inspirazione è necessario un lavoro muscolare attivo: entrano in azione soprattutto il diaframma e i muscoli intercostali, ma anche i muscoli del torace e della schiena. Causano l’espansione della gabbia toracica, che dispiega passivamente i polmoni (che non possono staccarsi dalla gabbia toracica). La pressione negativa risultante attira l'aria respirabile.

Frequenza e volume respiratorio

Quando siamo a riposo, inspiriamo ed espiriamo circa 15-50 volte al minuto. Per inspirare abbiamo bisogno di circa 100-XNUMX litri d'aria al minuto. Durante il lavoro fisico o lo sport, questa quantità aumenta enormemente – fino a XNUMX-XNUMX litri al minuto.

Dove si trovano i polmoni?

I polmoni si trovano nel torace (torace), che si riempiono quasi completamente. Le sue due ali hanno la forma di un cono, la cui punta si trova direttamente sotto la rispettiva clavicola. L'ampia base concava poggia sul diaframma.

Quali problemi possono causare i polmoni?

I problemi di salute dell'organo respiratorio di solito influenzano la respirazione e si manifestano come mancanza di respiro (dispnea). Esempi importanti includono polmonite, bronchite, asma bronchiale, BPCO (broncopneumopatia cronica ostruttiva) e pneumotorace (collasso di un polmone dovuto ad un accumulo anomalo di aria nel torace). Uno dei tumori più comuni negli esseri umani colpisce i polmoni: il cancro del polmone è la causa più comune di morte correlata al cancro negli uomini e la terza causa più comune nelle donne.